Amichevole, Inter-Betis Siviglia 1-0: le pagelle

di - 12 agosto 2017
Luciano Spalletti - Foto Antonio Fraioli

L’Inter chiude il precampionato 2017 con una vittoria di misura contro un avversaria poco motivata. Il maltempo condiziona gran parte della prima frazione mentre nella ripresa le squadre si accendono dando vita a una partita comunque godibile nonostante la poca importanza. Buoni segnali dai nuovi acquisti Vecino e Borja Valero. Skriniar appare ancora un po’ titubante ma cresce nella ripresa, mentre Dalbert si presenta male al pubblico neroazzurro.

 

INTER

 

Handanovic 6

 

Tocca palla più coi piedi che con le mani fino all’intervallo, mentre nella ripresa gestisce i pochi pericoli che si presentano dalle sue parti

 

D’Ambrosio 6.5

 

Aggredisce sempre molto alto e non fa mai mancare supporto a Candreva. Continua il miglioramento cominciato nella scorsa stagione.

 

Skriniar 6

 

Ancora qualche errore di posizionamento nel primo tempo. Gioca una ripresa tranquilla limitando gli errori.

 

Miranda 6

 

La difesa non corre grossi pericoli e lui non deve faticare troppo. Prestazione lineare.

 

Dalbert 5

 

Deve ancora trovare le misure. E’ un corpo indipendente dagli altri difensori ma è giusto concedergli un po’ di tempo. Ripresa più incoraggiante ma ci si aspetta un altro giocatore per le gare ufficiali (dal 27′ s.t. Ansaldi 6 prestazione ordinaria).

 

Vecino 6

 

Unisce bene difesa e trequarti, anche se a volte si fa saltare un po’ troppo facilmente.

 

Borja Valero 6.5

 

Limitato dal maltempo, smista comunque ottimi palloni. Non fa mai mancare il pressing sui centrocampisti andalusi. Con l’uscita di Joao Mario si sposta sulla trequarti dove gioca un buon quarto d’ora prima di lasciare il campo (dal 17′ s.t. Brozovic 6.5 mostra più volte qualche bella invenzione).

 

Candreva 6

 

Ottima l’intesa con D’Ambrosio: quando uno si allarga l’altro converge verso il limite e viceversa. Da quella parte il Betis gli lascia un’autostrada che lui percorre infinite volte palla al piede. Partita incoraggiante (dal 27′ s.t. Gabigol 5.5 Purtroppo il problema della poca concretezza persiste. Le due fasi sono praticamente inesistenti, anche se ogni tanto prova ad accendersi cercando la corsa di Eder).

 

Joao Mario 6.5

 

Inizia forte ma non sempre fa la mossa azzeccata. E’ comunque lui a mettere più in difficoltà la retroguardia avversaria nel primo tempo (dal 1′ s.t. Gagliardini 6 mette come al solito concretezza ma, come il resto della squadra, non gioca la sua miglior partita).

 

Perisic 6

 

Una bella rovesciata a metà primo tempo impegna Adàn. Per il resto nessuna azione degna di nota ma costante presenza nella trequarti e pochissimi errori (dal 27′ s.t. Jovetic 5.5 In area è poco presente ed è un demerito notevole, ma per tutto il tempo dialoga perfettamente i compagni. Non sembra abbia così tanta voglia di andarsene).

 

Icardi 6

 

Non si vede fino alla mezz’ora quando si procura un rigore che trasforma con freddezza per poi ritornare nell’ombra. Cresce leggermente a 5 minuti dall’intervallo (dal 1′ s.t. Eder 6.5 Chiude discretamente un’ottima preseason confermandosi la riserva che tutti vorrebbero).

 

All. Spalletti 6

 

La squadra lo segue e i meccanismi pian piano entrano nei giocatori. Il lavoro da fare, però, è ancora tanto, come dimostra qualche passaggio a vuoto soprattutto nella fase difensiva.

© riproduzione riservata