Matteo Berrettini e l’arte di imparare

Matteo Berrettini - foto Ray Giubilo Matteo Berrettini - foto Ray Giubilo

Esistono talenti puri naturali che, sin da bambini, impressionano per tocco di palla e sensibilità a suon di smorzate, volée stoppate e accelerazioni a tutto braccio. Esistono poi i talenti “mentali”, che sanno vivere la partita nel migliore dei modi, giocano al meglio i punti importanti e lavorano fisicamente e tennisticamente senza sosta alcuna. E poi arriva Matteo Berrettini, il cui talento è forse il più raro di tutti: la capacità di imparare. Migliorare, esponenzialmente, uno o più colpi, è difficile, per alcuni quasi impossibile. La capacità di imparare sfruttando gli infortuni (il problema al polso sinistro lo spinse a migliorare lo slice di rovescio staccando la mano, così come l’infortunio al ginocchio lo vide migliorare fisicamente e al servizio) è il segreto di pulcinella del tennis professionistico. Ogni colpo di Berrettini migliora anno dopo anno.

Potremmo dire mese dopo mese se non settimana dopo settimana. Un talento aiutato e sostenuto dalla lungimiranza di un grande coach come Vincenzo Santopadre, che ha saputo sempre toccare i tasti giusti per convincere Matteo a un nuovo lavoro, a una diversa variazione e a migliorare di conseguenza come tennista e soprattutto come uomo. Perché chi ha il particolare talento di Matteo Berrettini, cresce prima come persona e poi come atleta.

About the Author /

Nato a Roma il 9 aprile del 1982, cresco nel mito di Pete Sampras e Marco Van Basten. Dopo 12 anni di radiocronache sono passato alle telecronache per Supertennis TV. Direttore di Sportface e di Spaziotennis.com, amo i Giochi Olimpici e ricordo ogni momento del lavoro svolto a Londra 2012. Seguo lo sport 25 ore su 24, ma è sempre meglio che lavorare.