Internazionali BNL d’Italia 2022: Sinner barcolla, ma elimina Fognini e vola agli ottavi

Jannik Sinner Jannik Sinner, Internazionali d'Italia 2022 Roma - Foto Antonio Fraioli

Jannik Sinner ha superato il connazionale Fabio Fognini per 6-2, 3-6, 6-3, raggiungendo gli ottavi di finale degli Internazionali d’Italia 2022. Sfida particolarmente interessante tra i due tennisti italiani al Foro, considerando lo stile di gioco pressoché antitetico dei due e la diversa concezione del tennis in generale; se Sinner si è sempre imposto come giocatore pragmatico e mentalmente solido, Fognini, dal canto suo, è noto per la creatività che contraddistingue i suoi colpi e l’ormai proverbiale repertorio tecnico vario e completo. Primo confronto tra i due, vinto dall’altoatesino in tre set, sebbene la prestazione dell’atleta nativo di San Candido sia stata tutto fuorché eccezionale.

Se è stato apprezzabile l’apporto dal punto di vista mentale e il pragmatismo glaciale del più giovane dei due italiani, dall’altro è impossibile non evidenziare la mole di errori rilevante dei protagonisti in campo. Sia Sinner che Fognini, da fondocampo e al servizio, hanno commesso alcune ingenuità impreviste se si prenda in considerazione il loro livello consueto; in particolare, i troppi sali e scendi dell’altoatesino hanno fatto dubitare gli spettatori che il giovane potesse effettivamente superare lo scoglio ligure. Buona però la reazione di Sinner, il quale dovrà alzare il livello contro Filip Krajinovic per un posto ai quarti di finale del torneo capitolino; il serbo, difatti, ha eliminato Andrey Rublev all’esordio, sorprendendo il pubblico degli Internazionali.

IL PROGRAMMA DEL TORNEO

IL TABELLONE

IL MONTEPREMI

RIVIVI LA DIRETTA

 

INIZIO

Primo set con partenza incerta di entrambi i protagonisti in campo, sebbene con un equivalenza di game conquistati al termine del secondo gioco. Prima situazione di difficoltà per Sinner sullo 0-30 proprio poco prima di raggiungere Fognini sull’1-1, con sin troppi errori in uscita dal servizio e in manovra; lo schema servizio e dritto ha fornito al tennista di San Candido la possibilità di spazzar via i cattivi pensieri primordiali. Break del più giovane azzurro tra i due nella circostanza del terzo gioco, con ben tre errori di dritto di Fognini a caratterizzarlo; in ultima istanza, accelerazione con il colpo in cross assolutamente mal gestita dall’atleta originario della Liguria, inusuale considerando che sia uno dei suoi marchi di fabbrica: 2-1.

L’altoatesino ha dominato incontrastato confermando senza problemi il break nel quarto game, con un Fognini dall’atteggiamento indecifrabile e forse con qualche problemino fisico a limitarlo. Quinto gioco e nuovo strappo di marchio altoatesino; Sinner ha trovato grande profondità con il dritto, dopo un doppio fallo del ligure sul 30-30, inducendo Fognini all’errore con lo stesso fondamentale: 4-1. L’atleta di Arma di Taggia, dopo aver annullato diligentemente un set point nel settimo game, ha però ceduto il passo nell’ottavo gioco, tornando a commettere errori in serie con il suo solitamente superlativo dritto: 6-2.

SVOLGIMENTO

Secondo set iniziato con un altro piglio per Fognini, abile nel reagire alle difficoltà del parziale precedente grazie alla sua tecnica tennistica strabiliante; tra smorzate pregevoli, accelerazioni da ogni dove devastanti e colpi di volo semplicemente da ‘Fognini’, primi game al servizio autorevoli e 2-1 rapido in suo favore. Momento d’oro del tennista di Arma di Taggia, il quale ha collezionato accelerazioni straordinarie come fossero figurine, con l’ultima rappresentata da un vincente semplicemente fenomenale con il dritto in cross: passante letale e 3-1.

Contro-reazione e contro-break immediato di Sinner, con troppe leggerezze con il colpo d’inizio gioco del ligure a contraddistinguerlo: doppio fallo conclusivo del più esperto italiano e racchetta distrutta dopo il 3-2. L’altoatesino ha però continuato a fare confusione in uscita dal servizio, concedendosi inerme ai colpi di dritto di Fognini nel sesto game, l’ultimo dei quali, in corsa, valso il 4-2. Amministrazione degli ultimi due turni di battuta magistrale del ligure, concreto nel definire il 6-3 con una smorzata vincente come ciliegina sulla torta.

EPILOGO

Terzo set con buona partenza di Fognini, galvanizzato dal parziale vinto in precedenza, e palla break immediata a premiare le sue iniziative; Sinner, però, sul 30-40 nel primo game, ha inanellato prime vincenti mostrando personalità…e i denti: 1-0. L’altoatesino ha spiccato il volo quasi subito dopo, riuscendo ad accelerare con il dritto nel migliore dei modi e liberando un lungolinea magistrale per chiudere i conti e ottenere il 3-1. Contro-break del ligure nel settimo game, usufruendo degli eccessivi e ricorrenti errori di Sinner da fondocampo ed ergendosi sino al 4-3; nuove indecisioni, con doppi falli e leggerezze in uscita dal servizio di Fognini, non da lui e probabilmente tradito dalla tensione, per il 5-3 come sentenza. Nono game chiuso al servizio da Sinner, a 0, con una prima esterna a disegnare il 6-3 a concludere le danze.