Australian Open 2018: Nadal non ha problemi con Mayer e vola al terzo turno

di - 17 gennaio 2018
Rafael Nadal, Us Open 2017 - Foto Ray Giubilo

Rafael Nadal si impone su Leonardo Mayer in tre set con il punteggio di 6-3 6-4 7-6(4) nel secondo turno degli Australian Open 2018. Lo spagnolo vince e convince in un match controllato dall’inizio alla fine. Il numero uno del seeding passa così al terzo turno dove affronterà il bosniaco Damir Dzumhur, che a sua volta ha sconfitto John Millman.

IL PROSSIMO TURNO DI NADAL

NADAL COLPISCE UNA RACCATTAPALLE

LA CRONACA. Entrambi tengono con poca fatica i rispettivi turni di battuta ma sul punteggio di 2-1 ecco che arriva la zampata del campione spagnolo che mette a segno il primo break del match. I colpi da fondo di Nadal risultano troppo pesanti per Mayer che è costretto ad inseguire per tutto il corso del parziale. L’argentino si difende comunque in maniera egregia, non riuscendo però a controbreakkare il suo avversario. Il maiorchino mette dunque in cascina il primo set in 45 minuti con lo score di 6-3.

Nel secondo set il trend non cambia ed è sempre Nadal a comandare gli scambi. Qualche zampata da parte di Mayer arriva ma non è sufficiente per scardinare la testa di serie numero 1. Rafa conquista il break nel primo gioco del parziale e al servizio è una sentenza. Il match resta comunque vivo e interessante, sicuramente più combattuto della sfida di primo turno con Estrella-Burgos. Il fuoriclasse iberico non ha problemi a chiudere per sei giochi a quattro e si porta due set a zero.

Nel terzo set Leonardo Mayer sembra avere un atteggiamento diverso e sembra più presente in campo. Nel quinto gioco il sudamericano recupera da 0-40 e nel game successivo ha addirittura una chance di break, ben sventata però dal temperamento di Nadal. Il rendimento del tennista argentino migliora ma sul 4 pari ecco il passaggio a vuoto che manda Rafa a servire per il match. A questo punto succede l’impensabile e Mayer riesce a recuperare il break di svantaggio portandosi sul 5-5. Alla fine si vola al tie-break ed è l’esperienza del maiorchino a prevalere per sette punti a quattro.

 

 

 

 

 

 

© riproduzione riservata