PyeongChang 2018, Carolina Kostner: serve una grande rimonta per la leggenda

di - 22 febbraio 2018
Carolina Kostner
Carolina Kostner - Foto Sportface

In quel di Pyeongchang è il momento del programma libero delle Ladies. Quando in Italia sarà notte, in Corea saranno assegnate le medaglie, che sembrano comunque un affaire tra le russe Zagitova (82.92) e Medvedeva ( 81.61), con la canadese Osmond in terza posizione momentanea con 78.87. Per l’Italia, naturalmente, scenderà sul ghiaccio l’eterna (ed eterea) Carolina Kostner, in sesta posizione dopo un programma corto che, decisamente, come ci ha più volte mostrato nel corso della stagione, poteva essere eseguito meglio.

La medaglia di bronzo non è una mission impossible, ma neanche così a portata di mano. Per bissare il bronzo di Sochi 2014, la campionessa azzurra deve rimontare quasi 6 punti e sperare che la Osmond, apparsa decisamente in forma, sbagli qualcosa. E’ una gara dal retrogusto amaro, quella di stanotte, e non solo per il podio difficile da centrare. L’impressione è che per il pubblico italiano, ma in generale per quello mondiale che la ama tanto, questa sarà l’ultima volta che si vedrà la Kostner competere sul ghiaccio olimpico. Per lei, dunque, che a 30 anni compiuti ha sempre detto di pattinare oramai solo per se stessa, si potrebbe prefigurare una gara relativamente in attacco, ma mirata solo ad assaporare questa emozione, dando e prendendo il meglio.

Del resto, con 73.15 è più semplice mirare alla top five piuttosto che al podio, ma quando sei all’Olimpiade e hai davanti tante atlete giovani e agguerrite, incluse le giapponesi Miyahara e Sakamoto, anche per quel risultato potrebbe essere necessario dover fare un programma impeccabile sotto ogni punto di vista, e magari sperare che le altre tanto perfette oggi non siano. La gara inizierà alle 2.00 ora italiana e Carolina scenderà nell’ultimo gruppo, alle 5.16. Non ci sarà, invece, l’altra pattinatrice italiana, Giada Russo. Il suo short è stato il 27mo della giornata, e non si è qualificato per il libero.

 

© riproduzione riservata