F1, test Barcellona 2018. Vettel: “Abbiamo nuove idee. Gomme? Solo colpa nostra”

di - 15 maggio 2018

Penso che se avessimo avuto le gomme standard domenica sarebbe stato probabilmente peggio. La decisione di Pirelli è stata corretta, è solo colpa nostra se non abbiamo la stessa usura o la stessa durata degli altri”. Sebastian Vettel, al termine della prima giornata di test “in season” sul circuito della Catalogna, torna a parlare della questione gomme innalzatasi dopo il Gran Premio di Spagna, quinta tappa del Mondiale 2018 della Formula 1. Nella giornata di martedì 15 maggio al Montmelò è andato in scena il day 1 dei test nella settimana di pausa precedente alla tappa del Principato di Monaco. Vettel, impegnato dalla Ferrari nella sessione mattutina e pomeridiana, dopo i risultati registrati in giornata ha promosso la scelta della Pirelli riguardo la modifica del battistrada delle gomme sul tracciato catalano riasfaltato: “Penso che sia abbastanza semplice. Ovviamente non succede spesso che si possa verificare questo tipo di decisioni prese ma lo abbiamo fatto oggi ed abbiamo tratto le conclusioni. La decisione presa è stata corretta”.

Il pilota tedesco inoltre ha commentato il fine settimana complicato della scuderia di Maranello, sconfitta in tutto e per tutto dalla Mercedes, capace di centrare la prima doppietta stagionale: “Da fuori sembra che loro abbiano avuto un fine settimana più consistente, senza grossi problemi, ma abbiamo bisogno di guardare a noi stessi. Dobbiamo concentrarci sulla nostra macchina e sui nostri problemi, poi saremo di nuovo più forti”. Infine sulla giornata di test: “Bello avere i test per essere in grado di fare dei confronti con il lavoro svolto e penso che abbiamo alcune nuove idee. Ora tocca a noi trasformarle in realtà. Per il tempismo questi test sono perfetti per noi perché arriviamo da un week end povero dove non siamo stati abbastanza veloci e soprattutto abbiamo faticato a far durare le gomme. Queste cose hanno un collegamento e dunque è stato positivo avere la possibilità di rivisitarle”.

© riproduzione riservata