Atalanta già in forma per il campionato: tre gol al Real Betis in amichevole

Luis Muriel Luis Muriel, Atalanta - Foto LiveMedia/Francesco Scaccianoce

L’Atalanta trova un successo convincente e di prestigio nell’amichevole giocata al Villamarin di Siviglia contro il Real Betis. Ottime le indicazioni che sono arrivate a Gian Piero Gasperini, non solo dal punto di vista del risultato finale, ma anche e soprattutto per l’intensità messa in campo. Intensità che si nota fin dalle prime battute, in cui i bergamaschi pressano a tutto campo, fino all’area biancoverde. I padroni di casa rispondono con l’imprevedibilità di Luiz Henrique, uno dei pochi, insieme a Fekir, a creare grattacapi alla Dea. I due confezionano anche la migliore occasione della partita, poco dopo il quarto d’ora, con il francese messo davanti a Musso col tacco, ma il portiere argentino chiude in maniera efficace.

GLI HIGHLIGHTS

IL TABELLINO

L’occasione smuove l’Atalanta, che al 22′ trova il vantaggio: cross di Ruggeri messo fuori, al limite arriva Muriel che scarica un destro poderoso all’incrocio dei pali. Rete che viene bissata pochi minuti dopo da De Roon, ancora con un tiro dal limite, stavolta rasoterra, su sponda di Zapata. In entrambe le occasioni, incolpevole Rui Silva, che può solo arrendersi alla precisione dei nerazzurri. L’ultima fiammata del primo tempo è firmata da Borja Iglesias, che sciupa una ghiottissima occasione per accorciare. Toloi viene colpito dal pallone sul calcio d’angolo di Fekir, e il centravanti degli andalusi non converte da pochi passi la palla vagante.

La ripresa si apre con il terzo sigillo, messo a segno dal neoentrato Ederson: ottimo inserimento sul lato scoperto, Koopmeiners lo serve e il brasiliano non sbaglia da dentro l’area. Dopo questa rete, i ritmi si abbassano inevitabilmente, complici i numerosi cambi, da una parte e dall’altra. Ci prova Fekir dalla distanza e Joaquin, che però non trova mai la soluzione per il tiro. Hojlund poi non serve Lookman in mezzo ma sceglie di provare la soluzione personale, mancando una buona occasione.