Paradosso Manchester City: può vincere la Champions League da escluso

Sergio Aguero e Gabriel Jesus, Manchester City - Foto Football Coin Vimeo

Il Manchester City negli ultimi minuti è stato colpito da una durissima notizia, quella inerente all’esclusione per due annate dalla Champions League, massima competizione europea: i Citizens come se non bastasse dovranno pagare, causa infrazione fair play finanziario, una multa pari a 30 milioni di euro complessivi. Tesa l’atmosfera attorno a Pep Guardiola, il quale già nella giornata di ieri ha affermato che potrebbe essere cacciato in caso di mancato passaggio del turno contro il Real Madrid. Tensione e pressione tuttavia potrebbero anche giocare a favore del City, il quale si potrebbe trovare dinanzi alla storia: diventare il primo club della storia della Champions League a vincerla senza poi poter partecipare all’edizione successiva. Quest’esclusione paradossalmente potrebbe donare nuova linfa al club di Manchester il quale, consapevole di essere all’ultima spiaggia per vincere la Coppa dalle grandi orecchie, potrebbe gettare tutto ciò che ha all’interno della fase finale: i prossimi mesi saranno decisivi non solo per il futuro di Guardiola, ma anche per il futuro degli stessi Citizens. Decisivi per capire se (ricorso permettendo) in seguito a questa stangata trionferà la storia o sarà un dilagare di disperazione.