Cagliari in Serie B, la rabbia dei tifosi: “Retrocessione meritata”

I tifosi del Cagliari - Foto Antonio Fraioli

Fatali i verdetti dell’ultimo turno di campionato, che condannano il Cagliari alla retrocessione in Serie B. E’ tanta la rabbia dei tifosi, che già nei giorni scorsi si erano rivolti al presidente Giulini con una scritta di contestazione apparsa in piazza Michelangelo. E ieri, in curva al Penzo, è iniziato il ‘processo’ dopo il pareggio contro il Venezia: “Andate via da Cagliari”, hanno gridato i tifosi ai giocatori, “tanto a voi non frega nulla” aggiungono. “Guardate questa bandiera”, ha detto una super tifosa in prima fila. “La fortuna non c’entra, è una retrocessione meritata” dicono ancora i tifosi.

“La B del prossimo anno sarà molto difficile – scrive un sostenitore su Facebook -: ci sono Genoa, Parma, Venezia, Brescia, Benevento, Frosinone, Perugia”. Qualcuno si sofferma anche sullo scontro televisivo Giulini-Caressa e assegna la vittoria al giornalista Sky. “E’ stato l’unico che gli ha detto la verità in faccia”. “L’umiliazione più grande è stata che la squadra non ha mai giocato” aggiungono. La super tifosa rossoblù Milena Masala, sempre presente allo stadio e anche ieri al Penzo, guarda già oltre: “Forza Cagliari, col cuore stretto, ma sempre e solo rossoblù”.