Atp Budapest 2019: esordio col botto per Sinner in un 250, superato Valkusz in tre set

Jannik Sinner - foto Antonio Milesi Jannik Sinner - foto Antonio Milesi

Prima vittoria in un torneo ATP 250 per Jannik Sinner, che nel primo turno del torneo di Budapest (ripescato da lucky loser) supera la wild card ungherese Mate Valkusz per 6-2, 0-6, 6-4 in un’ora e 46’ e si qualifica per il secondo turno, dove affronterà la testa di serie n°5 del tabellone magiaro, il serbo Laslo Djere.

Avvio importante di Sinner, che con un doppio fallo concede subito una palla break all’ungherese, annullandola con il suo schema servizio-dritto, prima che due errori di fila di Valkusz con il dritto gli consegnano il primo game del match. Con aggressività è poi l’italiano a procurarsi una palla break, sprecata con un dritto in corridoio, così come sulla seconda chance di break è ancora il dritto a tradirlo, stavolta in lunghezza; ai vantaggi, sempre nel secondo game, Sinner si procura una terza palla break, questa volta il dritto non fallisce e gli regala il 2-0, che velocemente si trasforma in 3-0. Il tennista di San Candido però è una furia, e non solo sfrutta la chance, sul 30-40, di salire 4-0 con doppio break di vantaggio, ma 0 chiude anche il quinto game per un 5-0 che di fatto ipoteca già il primo parziale. Valkusz non ci sta e reagisce, risalendo fino al 5-2, ma con un doppio consegna il 6-2 che vale il primo set per Sinner.

In avvio di secondo parziale però c’è in campo un altro Valkusz, che lascia andare i colpi e con una serie 8 punti consecutivi ad 1 sale subito 2-0. Nel terzo game Sinner sale 40-15, ma si fa rimontare e dopo aver annullato una palla break, alla seconda chance cede nuovamente il servizio per il 3-0 pesante in favore dell’ungherese. L’italiano prova a reagire, procurandosi tre chance per recuperare uno dei due break (con particolare rammarico sulla terza chance, in cui poteva sicuramente fare di più), ma Valkusz si salva e si porta 4-0. L’emorragia di game per Sinner non sembra avere fine, e la palla break trasformata da Valkusz per il 5-0 sembra già una sentenza sul set, che infatti il n°323 del mondo non fatica a chiudere, salendo 40-0 e sfruttando il terzo set point.

Dopo il toilet break Sinner torna in campo con una sicurezza ed un’energia diversa, tanto da conquistare subito un break di vantaggio e salire 2-0. Nel parziale decisamente più equilibrato dei tre, l’azzurro ha una fondamentale chance per portarsi 4-0 sul 30-40, ma non la concretizza e consente a Valkusz di rimanere in partita. Una occasione rimpianta, perché l’altoatesino nel settimo game va sotto 15-40 e cede il break acquisito in avvio di set, riequilibrando tutto sul 4-3. È solo un momento di calo, perché Sinner non si deconcentra e, dopo essere salito 15-40 nell’ottavo game, alla seconda chance strappa ancora la battuta all’ungherese e può servire per il match sul 5-3. Sul più bello si ripete però il copione del settimo game, con l’italiano che anche in questo caso cede il break a 15 e rimette in partita l’avversario. Con il dritto però Sinner torna a comandare e si procura due match point, sfruttando la seconda chance e chiudendo il terzo set per 6-4, conquistando la sua prima vittoria in torneo ATP 250.