Pechino 2022, Pancalli: “Grande Paralimpiade per l’Italia, orgoglioso dei ragazzi”

Luca Pancalli Luca Pancalli - Foto Marzi/Bizzi Team/FINP

Luca Pancalli, presidente del Cip, ha fatto un bilancio delle Paralimpiadi di Pechino 2022, in cui gli azzurri non sono andati affatto male: “Si chiude per noi una grande Paralimpiade, che ci ha regalato gioie e spunti interessanti per il futuro. Rispetto a PyeongChang, possiamo vantare due medaglie in più, un atleta in più sul podio ed una posizione guadagnata nel medagliere. E’ un risultato molto importante, specialmente in considerazione del livello visto nelle competizioni“. Pancalli ha quindi elogiato in particolare la coppia Bertagnolli/Ravelli (“Hanno dimostrato di essere dei fuoriclasse“) e René De Silvestro (“Ha ribadito di essere uno degli atleti più forti al mondo“).

Nella sua analisi, il numero uno del Cip ha proseguito: “Da queste Paralimpiadi arrivano tante certezze e conferme, ma anche indicazioni su come comportarsi in futuro. Vogliamo essere protagonisti a Milano-Cortina“. Sulla scelta di De Silvestro come portabandiera della cerimonia di chiusura: “Scelta non semplice, ma abbiamo optato per René – oltre alle medaglie – perché è ampezzano e con questo ci proiettiamo verso i Giochi di Milano-Cortina. La speranza è che possano emergere nuovi giovani campioni, magari anche in discipline dove non ci siamo qualificati“. Infine, Pancalli ha ringraziato personalmente il Capo Missione Juri Stara e tutto lo staff, per poi mandare un messaggio diretto ad atleti e atlete: “Sono fiero di voi, quello che avete fatto mi riempie d’orgoglio. Continuate così e non perdetevi mai d’animo. Sono convinto che continuerete a rendere orgogliosi il movimento paralimpico e le federazioni“.