Un 2021 di spettacolo, da Schick a Taremi: ecco i gol più belli dell’anno (VIDEO)

Rovesciate, conclusioni da distanza siderale, dribbling e pallonetti. Nell’anno spezzato tra il lockdown negli stadi e la riapertura, il calcio non ha di certo mancato di offrire il suo carico di spettacolo. Negli occhi c’è Patrik Schick che illumina l’Europeo con uno dei gol più belli della storia della manifestazione, un gesto tecnico che solo pochi possono solo pensare di fare: lui l’ha fatto e ci è riuscito. E’ il suo il gol più bello del 2021 per coefficiente di difficoltà e per il prestigio della competizione, nella cornice di un Hampden Park strapieno davanti a 20.000 scozzesi.

PATRIK SCHICK (Repubblica Ceca-Scozia, Euro 2020, 14 giugno 2021)

Per il prestigio della competizione, il coefficiente di difficoltà e la velocità di pensiero, è il gol più bello dell’anno. Uno di quelli che danno lo slancio alla stagione e forse ad una carriera. Dimenticate lo Schick di Roma. L’ex giallorosso al Bayer Leverkusen tiene il passo di Lewandowski e Haaland per gol in Bundesliga e la rete da centrocampo agli ultimi Europei è il sigillo più bello.

MEHDI TAREMI (Chelsea-Porto, Champions League, 13 aprile 2021)

Non servì a molto, perché la qualificazione alla semifinale era già salda nelle mani del Chelsea futuro campione d’Europa. Ma la rovesciata di Taremi è stata una perla di rara bellezza, persa tra i minuti conclusivi di una partita già senza più storia.

LORENZO INSIGNE (Belgio-Italia, Europei 2020, 2 luglio 2021)

La rete del raddoppio, nel primo scontro diretto dell’Italia in un cammino magico come quello che ha portato a Wembley. ‘Tiraggir’, ha accompagnato la spedizione azzurra, alla fine si è manifestato sui piedi del suo interprete naturale. Niente da fare per Courtois.

ERIK LAMELA (Arsenal-Tottenham, Premier League, 14 marzo 2021)

La sintesi sta tutta nella faccia di Reguilon che per due minuti buoni abbraccia il compagno con la faccia di chi non crede ai suoi occhi per quel che ha appena visto. Lo splendido gol di rabona di Erik Lamela non è servito per una vittoria e non ha evitato la sconfitta del Tottenham nel derby del nord di Londra contro l’Arsenal. Ma resta un capitolo di questa rivalità.

DANIELE VERDE (Lazio-Spezia, Serie A, 3 aprile 2021)

L’unico rammarico è la data, aprile 2021 quando la Serie A era ancora costretta a regalare emozioni solo dietro uno schermo. Lo stadio vuoto per il gol di Daniele Verde è un vero peccato: coordinazione, esecuzione e bellezza della sua rovesciata da 10. Palla sotto l’incrocio dei pali, scheggiando lievemente la parte bassa della traversa. Imprendibile per Reina.

ALEXANDER ISAK (Svezia-Kosovo, Qualificazioni Mondiali, 9 ottobre 2021)

Uno dei talenti emergenti del calcio europeo risponde al nome di Alexander Isak, che sembra davvero non avere punti deboli: tecnica eccelsa, alto 1.90, veloce. Forse segna ancora meno gol rispetto alle potenzialità, ma la rete siglata nel match tra Svezia e Kosovo è una perla: tunnel su un difensore, palla sul destro e conclusione potente e precisa sotto l’incrocio.

CAROLINE WEIR (Manchester City-Manchester United, 12 febbraio 2021)

Un gol al derby è sempre un gol al derby. Se poi in un derby ti inventi anche un pallonetto delizioso, allora o sei Francesco Totti o sei Caroline Weir che delizia il pubblico (dietro uno schermo) dei Citizens con un ‘cucchiaio’ splendido che non lascia scampo al portiere avversario.

YOURI TIELEMANS (Leicester-Manchester United, 18 ottobre 2021)

La qualità al centrocampista belga non è mai mancata, forse a volte è venuta meno la capacità di manifestarla nelle grandi occasioni. Beh, contro il Manchester United non si è certo risparmiato: tocco sotto col destro e palla sotto la traversa.

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio