Sampdoria: Meryl Partners “costretta” a ritirarsi dalla corsa per l’aumento di capitale

Tifosi curva Sampdoria I tifosi della Sampdoria a Marassi - Foto Marti

Ci sono delle novità sulla cessione della Sampdoria, e non sono buone: Meryl Partners ha deciso di ritirare la sua offerta di trenta milioni per procedere all’aumento di capitale a cui avrebbe aggiunto altri 20 milioni per dare ossigeno alle casse del club. Secondo quanto riportato dall’ANSA, entro il 28 dicembre il fondo avrebbe chiesto l’abbattimento del capitale sociale attualmente a 14 milioni di euro per procedere poi alla seconda fase dell’operazione in occasione dell’assemblea degli azionisti prevista il 5 gennaio.

Di qui, il fondo di Alessandro Barnaba si sarebbe ritirato dalla trattativa, considerando che, senza abbattimento del capitale sociale, Meryl Partners dopo il suo aumento avrebbe avuto ancora come socio di minoranza Massimo Ferrero. Contrariamente a quanto voluto da Barnaba che sarebbe voluto diventare azionista di maggioranza al 100%. Per ora quindi, Meryl Partners si chiama fuori, restando alla finestra, mentre Ferrero sta lavorando con Banca Sistema per avere i 30 milioni necessari all’aumento di capitale dando in pegno azioni della società.