Lucia Bronzetti per la prima volta in Nazionale: “Emozione immensa, è il periodo più bello della mia vita”

Lucia Bronzetti - Foto Ray Giubilo Lucia Bronzetti - Foto Ray Giubilo

La prima volta non si scorda mai. Lucia Bronzetti è stata convocata in Nazionale da Capitan Tathiana Garbin per la sfida contro la Francia, valida per i preliminari dell’edizione 2022 della Billie Jean King Cup, in programma venerdì 15 e sabato 16 aprile sul green set del Tennis Club Alghero. Assieme alla ventitreenne di Villa Verucchio (Rimini) indosseranno la maglia azzurra Camila Giorgi, Jasmine Paolini, Martina Trevisan ed Elisabetta Cocciaretto. Per Lucia si tratta della prima convocazione in carriera.

Gioia azzurra – “Stavo prendendo l’aereo per trasferirmi da Indian Wells a Miami – racconta una euforica Bronzetti – quando mi ha chiamato Tathiana Garbin per dirmi della convocazione. È stata un’emozione immensa. Non vedo l’ora di indossare la maglia azzurra”. Una chiamata senza dubbio meritata: “Devo dire la verità, ci speravo. È impossibile avere la certezza che le cose accadano, ma speravo nella convocazione. Ero fiduciosa anche guardando la classifica WTA, in cui sono la quarta italiana. Ciononostante la gioia è stata davvero grande”.

L’imperativo è non fermarsi – Numero 102 del mondo, la romagnola sta vivendo un periodo magico culminato agli Australian Open (in cui ha superato qualificazioni e primo turno di tabellone principale prima di perdere contro la numero 1 del mondo Ashleigh Barty) e proseguito a Guadalajara e Monterrey, dove ha superato le qualificazioni: “È il periodo più bello della mia vita. Il 2021 è stato un anno molto molto bello per me, e anche questa stagione è partita alla grande. Sto facendo esperienze nuove e lunghe trasferte in tornei stupendi, l’ambiente del circuito maggiore è splendido e adesso la convocazione in Nazionale mi fa battere il cuore. Sono orgogliosa di aver conquistato questo obiettivo: Karin Knapp, che mi allena assieme ai fratelli Francesco e Alessandro Piccari, ha giocato tante sfide in azzurro e spero che anche per me questa sia la prima di tante convocazioni”. Lo sguardo e le ambizioni sono sempre proiettati in avanti: “Giocare grandi tornei mi aiuta tanto a migliorare in tanti aspetti. È un onore e una grande occasione potermi confrontare con le tenniste migliori al mondo: per la mia crescita è fondamentale. Continuerò sicuramente ad allenarmi intensamente per aggiungere sempre qualcosa in più. Il prossimo step? Entrare in top 100 e poi andare oltre. Non mi voglio porre limiti”.