Atp Monaco 2019, Berrettini da sogno: rimonta Kohlschreiber e vola in semifinale

Matteo Berrettini - Foto Ray Giubilo

Matteo Berrettini continua a vincere e a sognare. L’azzurro ha sconfitto in rimonta Philipp Kohlschreiber 4-6, 7-5, 6-4 nel match valevole per i quarti di finale del torneo Atp 250 di Monaco (Germania, terra rossa). Berrettini accede quindi alle semifinali che affronterà contro Bautista, avendo dimostrato maggiore lucidità nei momenti importanti e uscendo rinfrancato da una sfida ed un torneo giocato fino ad adesso ad altissimi livelli, che fa ben sperare per il progredire delle sue capacità tecniche e mentali. Kohlschreiber esce invece sconfitto da un match che sembrava poter gestire con tutta l’esperienza che lo ha aiutato anche nel turno precedente, ma non è riuscito a contenere in toto l’esplosività della promessa italiana.

Il primo set si apre positivamente per Berrettini, il quale mantiene a 0 il turno di servizio mostrando sin da subito determinazione. Il secondo game è gestito con serenità da Kohlschreiber, che con la consueta classe fa suo il primo turno di battuta del match a 15 per l’1-1. Il terzo game è un vero e proprio calvario per Berrettini, che si vede costretto a dover fronteggiare ben 4 palle break, ma nei momenti importanti sfodera due aces e martella da fondo campo con il dritto vanificando tutte le chances avversarie e conquistando con estrema caparbietà il 2-1. La sfida si sviluppa con ritmi sempre più intensi e nel corso del quarto game, l’italiano guadagna un’opportunità per strappare il servizio all’avversario, ma non è dello stesso avviso il teutonico che sfrutta la sua esperienza e con la massima concentrazione fissa il punteggio sul 2-2. Sugli sviluppi del quinto gioco vi è la prima svolta del match, con Kohlschreiber che mette in grave difficoltà Berrettini alla battuta e concretizza una delle due chances a sua disposizione per strappare il servizio all’italiano per il 3-2. Il tennista di Augusta non ha problemi a confermare il break precedentemente attuato, mantenendo con fermezza il turno di battuta a 15 per il 4-2 che comporta il primo vero allungo. Nel corso del settimo game Berrettini va sotto 15-40, ma nuovamente riesce a rimontare grazie al suo servizio esplosivo e accorcia sul 4-3. L’azzurro prova ad impensierire il tedesco nell’ottavo game e riesce a procurarsi una palla break ai vantaggi, prontamente vanificata da Kohlschreiber che fa suo il game per il 5-3. Il teutonico chiude i conti del primo parziale a 0 con estrema serenità, siglando un 6-4 in 58 minuti di gioco.

Il secondo set inizia ancora con Berrettini che palesa difficoltà alla battuta, ma riesce comunque a vincere il game d’apertura ai vantaggi, annullando peraltro due palle break con un’ottima percentuale di prime in campo. Entrambi i giocatori trovano il giusto equilibrio nei rispettivi turni di servizio e repentinamente portano il risultato sul 3-3. Nel corso del settimo gioco Berrettini riesce ad avere la meglio sull’avversario ai vantaggi anche grazie al fondamentale ottavo ace del match per il conseguente 4-3 italiano. Berrettini si porta avanti 5-4, rimontando un’insidiosa situazione dallo 0-30 e conquistando 4 punti consecutivi fondamentali. Il momento cruciale del secondo parziale si sviluppa nel corso del dodicesimo gioco, in cui Berrettini riesce per la prima volta a strappare il servizio a Kohlschreiber e firma il conclusivo 7-5.

Il terzo set comincia positivamente per il tennista romano, il quale mantiene ai vantaggi il servizio d’apertura, fissando il risultato sull’1-0. Nel corso del secondo game, Berrettini non riesce a concretizzare ben tre opportunità di break guadagnate in precedenza e Kohlschreiber con tenacia fa suo il game dell’1-1. Sugli sviluppi del quinto game il tedesco ha anch’egli una ghiotta chance per portarsi sopra nel punteggio e ottenere un break in un momento importante della partita, ma Berrettini non è dello stesso avviso e mantiene il servizio annullando la palla break portandosi sul 3-2. Nell’ottavo game è ancora l’azzurro a procurarsi una palla break ai vantaggi, ma il numero 41 al mondo non molla e riesce a ribaltare la situazione con tre punti consecutivi che valgono il prezioso game del 4-4. L’epilogo del match si delinea nel decimo gioco del terzo parziale, con Berrettini che trova le contromisure adeguate per strappare il servizio ai vantaggi a Kohlschreiber e si guadagna l’approdo in semifinale coronando una prestazione superlativa: 6-4 il risultato conclusivo.