Pechino 2022, le speranze di medaglia dell’Italia in ogni sport: la guida completa

Arianna Fontana - Short track - Foto Fisg

La Cerimonia di Apertura di venerdì 4 febbraio darà ufficialmente il via alle Olimpiadi invernali di Pechino 2022, che si concluderanno il 20 febbraio. Saranno 118 gli atleti (72 uomini e 46 donne) che proveranno a portare sul podio il Tricolore, ma quali sono le maggiori speranze di medaglia per l’Italia a Pechino 2022? Dallo sci alpino al biathlon, passando per gli sport del ghiaccio, scopriamo le punte di diamante e gli outsider dell’Italia Team di questi Giochi, sport per sport.

PECHINO 2022: IL PROGRAMMA COMPLETO, GIORNO PER GIORNO

DOVE VEDERE LE OLIMPIADI IN TV?

TUTTI GLI ITALIANI IN GARA, GIORNO PER GIORNO

I REGOLAMENTI DI TUTTI GLI SPORT

I RISULTATI GIORNO PER GIORNO

BIATHLON

Il programma del biathlon si apre con la staffetta mista, dove l’Italia parte da outsider contro le più quotate Norvegia, Svezia e Francia e proverà a confermarsi sul podio dopo i due bronzi di Sochi 2014 e Pyeongchang 2018. Dorothea Wierer, dopo un avvio di stagione difficile, è cresciuta di condizione e potrà giocarsi la medaglia in ogni format di gara. Dal discorso podio non si può escludere totalmente nemmeno Lisa Vittozzi, alle prese con tanti problemi al poligono ma il talento rimane. In campo maschile sarà più difficile vedere azzurri sul podio, ma Dominik Windisch proverà a confermarsi “l’uomo dei grandi eventi” e Lukas Hofer partirà da outsider in ogni specialità. Potrebbe sorprendere anche la staffetta maschile, con l’Italia che vuole giocarsela al massimo per provare ad inserirsi tra le favorite.

PREVISIONI SPORTFACE: 1 MEDAGLIA

CURLING

L’Italia si è qualificata con la squadra maschile, outsider di questo torneo a cinque cerchi. Joel Retornaz, alla terza partecipazione ai Giochi, guiderà un quartetto di spessore e ambizioso. Outsider è anche la coppia mista Amos Mosaner-Stefania Constantini, che può giocarsela in una gara che non ha gerarchie ben definite.

PREVISIONI SPORTFACE: 1 MEDAGLIA

FREESTYLE

L’Italia proverà a stupire nelle poche specialità in cui sarà in gara, ma un podio è più sogno che ipotesi concreta. Jole Galli e Lucrezia Fantelli vanno a caccia della top5 nello skicross, specialità in cui Simone Deromedis è salito sul podio in Coppa del Mondo ma sarà svantaggiato non conoscendo la pista (l’Italia disertò la tappa preolimpica dello scorso anno).

PREVISIONI SPORTFACE: 0 MEDAGLIE

PATTINAGGIO DI VELOCITA’

L’Italia si gioca subito una carta da medaglia con Francesca Lollobrigida, che sabato 5 febbraio scenderà sulla pista lunga per i 3000 metri forte del secondo miglior tempo dell’anno sulla distanza. La romana è una delle candidate al podio anche nella mass start, specialità dove anche Andrea Giovannini sarà tra i papabili per una medaglia. Davide Ghiotto poi proverà a sorprendere nei 5000 e nei 10.000.

PREVISIONI SPORTFACE: 2 MEDAGLIE

SCI ALPINO

Le prime speranze di medaglia sono riposte su Dominik Paris, che proverà a salire per la prima volta sul podio a cinque cerchi nella discesa, dove anche Christof Innerhofer proverà a giocarsi qualche cartuccia. Nel gigante gli occhi sono puntati su Luca De Aliprandini: se è riuscito a recuperare al 100% dalla caduta di Adelboden può giocarsi anche il successo. Nella lotteria dello slalom poi l’Italia può inserirsi nella lotta sia con il giovane Alex Vinatzer che con il veterano Giuliano Razzoli, senza dimenticare Tommaso Sala.

Per quanto riguarda il settore femminile, nel gigante Federica Brignone e Marta Bassino potranno lottare anche per la vittoria in una gara si preannuncia molto aperta. La gara più attesa per le azzurre è il super-G, dove l’Italia ha dominato in stagione: Brignone ed Elena Curtoni le punte di diamante, ma attenzione a Bassino. Brignone poi se la potrà giocare anche in combinata. Grande incognita Sofia Goggia: la bergamasca è la donna da battere in discesa, ma riuscirà nell’impresa di recuperare dall’infortunio in tempi così rapidi?

PREVISIONI SPORTFACE: 5 MEDAGLIE

SCI DI FONDO

In questo sport le speranze italiane portano il nome di Federico Pellegrino, che proverà a mettersi alle spalle una stagione fin qui non brillante per salire nuovamente sul podio olimpico nella sprint (questa volta nella più amata tecnica libera). Pellegrino va a caccia del podio anche in coppia con Francesco De Fabiani nella team-sprint in tecnica classica, dove la lotta è aperta alle spalle di Norvegia e Russia.

PREVISIONI SPORTFACE: 2 MEDAGLIE

SHORT TRACK

L’Italia proverà a conquistare la finale per giocarsi una medaglia già nella staffetta mista, che per la prima volta assegnerà medaglie alle Olimpiadi. Gli azzurri non sono mai saliti sul podio in Coppa del Mondo, ma sulla pista corta le sorprese non mancano. Fari puntati ovviamente su Arianna Fontana, che proverà a difendere il titolo olimpico sui 500m ma potrà giocarsela anche sulle altre distanze (1000 e 1500). Speranze di medaglia anche per la staffetta femminile, mentre quella maschile punterà alla finale per approfittare di eventuali errori altrui.

PREVISIONI SPORTFACE: 2 MEDAGLIE

SKELETON

Una disciplina poco nota in Italia, ma gli azzurri sono pronti a stupire. Le maggiori speranze azzurre sono riposte su Valentina Margaglio, già bronzo ai recenti Mondiali. La piemontese è cresciuta molto negli ultimi anni e cercherà la continuità per confermarsi tra le migliori al mondo.

PREVISIONI SPORTFACE: 1 MEDAGLIA

SLITTINO

Dominik Fischnaller proverà a riscattare il podio mancano nel 2018 per due soli centesimi nel singolo, ma serviranno quattro discese solide. Rieder-Kainzwaldner potrebbero sorprendere qualora una delle coppie più quotate commettesse qualche errore. Più complicato il discorso per la prova a squadre, dove il rendimento dell’Italia dipenderà soprattutto dalla prova dell’azzurra scelta per il singolo.

PREVISIONI SPORTFACE: 1 MEDAGLIA

SNOWBOARD

L’Italia in stagione non ha particolarmente brillato nello slalom parallelo maschile come negli anni precedenti, ma Roland Fischnaller e compagni hanno le capacità per giocarsela. Meno chance, ma non nulle, per Nadya Ochner nel PSG femminile. Grande attesa per il cross, con la portabandiera Michela Moioli che vuole confermare l’oro olimpico di quattro anni fa. Nel cross maschile invece, Lorenzo Sommariva parte da outsider, ma anche Omar Visintin ha le capacità per giocarsela. L’Italia sarà una delle favorite poi nel cross a coppie misto.

PREVISIONI SPORTFACE: 3 MEDAGLIE