Malagò: “Raggi ha perso le elezioni già nel 2016, dire no alle Olimpiadi a Roma suicidio politico”

Tokyo 2020, Giovanni Malagò - Foto Mezzelani / GMT

“Virginia Raggi ha perso queste elezioni amministrative il 20 settembre 2016, il suo è stato un suicidio politico. Rifiutando di riceverci in Campidoglio per la candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024 ha offeso tutto lo sport italiano”. A “Restart – L’Italia ricomincia da te”, trasmesso su Rai Due in seconda serata mercoledì 20 ottobre, il presidente del Coni Giovanni Malagò attacca così duramente ancora una volta Virginia Raggi per la decisione, a suo dire e secondo molti scellerata, di non candidare Roma per ospitare le Olimpiadi 2024, collegandola alla sua recente sconfitta elettorale: “Per cinque anni, come la Raggi può confermare, ho mantenuto un profilo di rispetto istituzionale, è stata la mia sindaca, è anche una signora ed era giusto che avessi rispetto, però sono sempre stato convinto di una cosa. Raggi ha perso queste elezioni amministrative quel settembre di cinque anni fa perché evitò non solo di incontrare me, ma anche Luca Pancalli e Diana Bianchedi che erano con me nella delegazione. E successe perché il signor Grillo e Di Battista le impedirono di incontrarci, il meccanico di Di Battista aveva detto che le Olimpiadi a Roma non andavano fatte”.