Serie A, Inter-Genoa 1-0: le pagelle della sesta giornata

Danilo D'Ambrosio Danilo D'Ambrosio - Foto Antonio Fraioli

L’Inter trova i tre punti nel finale battendo il Genoa. Decisiva la rete di testa segnata da D’Ambrosio su cross del neo entrato Joao Mario. I neroazzurri riprendono così la corsa dopo il mezzo stop di Bologna.

INTER

Handanovic 6.5

Vola a fine primo tempo per deviare la conclusione di Taarabt.

D’ambrosio 7

Contiene Laxalt sulla destra lasciandogli poco spazio. Si inserisce spesso per crossare. Decide la partita con un colpo di testa su angolo sul secondo palo.

Skriniar 6.5

Altra prova di gran carattere. Si spinge spesso fino a centrocampo per provare il lancio lungo.

Miranda 6.5

Chiusure puntuali ed efficaci.

Dalbert 5

Ancora troppo timido, si vede poco in avanti e in difesa soffre quando il Genoa spinge forte.

Vecino 6

Mette sostanza a centrocampo vincendo diversi duelli. Fa sentire la pressione a Veloso, la cui prestazione peggiora anche grazie all’uruguaiano.

Borja Valero 5.5

Ci si aspetta di più da uno come lui. Probabilmente la stanchezza, all’ennesima da titolare, si fa sentire. (dal 27′ s.t. Karamoh 6.5 Qualche bella giocata e un tiro che dal nulla rischia di diventare pericoloso. Porta all’espulsione di Taarabt con un bel numero).

Candreva 5.5

Ottimo il primo quarto d’ora, dopo il quale ha un calo (dal 15′ s.t. Eder 6.5  Con il suo ingresso l’Inter diventa finalmente pericolosa. Bella la conclusione che impegna Perin alla mezz’ora della ripresa).

Brozovic 6

Si vede poco prima del palo colpito nel finale di primo tempo (dal 36′ s.t. Joao Mario 6.5 Suo l’assist per la rete di D’Ambrosio).

Perisic 6.5

Pericoloso dopo 30 secondi, gioca più centrale del solito. Probabilmente il più costante tra i neroazzurri, anche se non sempre riesce ad essere efficace.

Icardi 6

Troppo poco nel primo tempo, anche se si prende gli applausi del pubblico neroazzurro con un gran recupero nella propria area. Più pericoloso nella ripresa, quando impegna più volte i difensori ospiti e Perin.

All. Spalletti 6

L’Inter migliora rispetto a Bologna ma si vede ancora una volta a tratti. La squadra però lo segue e si vede da come si muove, nonostante in determinate situazioni rimanga un po’ bloccata.

GENOA

Perin 6.5

Gli scappa dalle mani un debole cross di D’Ambrosio che rischiava di diventare pericoloso.

Biraschi 6

Discreta prestazione contro un avversario insidioso come Perisic.

Rossettini 6

Partita difficile ma buona prova. Nella ripresa soffre la gran presenza degli avversari nella sua area.

Zukanovic 6

Bene nelle uscite palla al piede. E’ fra i tre difensori quello che gioca più alto.

Rosi 6

Sfrutta gli spazi lasciati sulla fascia da Perisic, che gioca più accentrato.

Cofie 5.5

Corre tanto ma spesso a vuoto. Tocca una quantità di palloni decisamente inferiore rispetto a Veloso.

Veloso 6

Nell’avvio furioso dell’Inter soffre la corsa di Vecino. Trova spazio col passare dei minuti, alternando ottimi passaggi a errori evitabili. (dal 34′ s.t. Rigoni sv).

Laxalt 6

Fatica a superare D’Ambrosio. Pericoloso con una conclusione di poco alta su un cambio di gioco di Omeonga (dal 8′ s.t. Migliore 6.5 Entra subito in partita).

Omeonga 6

Dopo i primi minuti passati a contenere i neroazzurri trova spazi e buone giocate. Peccato per il rosso nel finale, quando Eder però si lascia cadere.

Taarabt 6

Nel primo tempo raramente trova spazi in avanti. Ottimo però il lavoro in copertura su D’ambrosio. Impegna Handanovic con un bel tiro prima dell’intervallo. Epulso nel recupero per un fallo forse evitabile.

Pellegri 6

Prestazione di carattere nonostante la giovane età. In continuo movimento ma ben contenuto dai centrali neroazzurri (dal 29′ s.t. Pandev 6 Si muove poco, trova qualche passaggio invitante ma non incide).

All. Juric 6.5

Bella prova dei suoi nonostante il risultato. Omeonga, spostato di ruolo, offre una ottima prestazione macchiata dall’espulsione nel finale. Peccato per la rete che li condanna a rimanere a secco anche stavolta.