Precampionato 2021/22, i ritiri di tutte le squadre: date, località e programma

Ecco l’estate: i sogni, le trattative, le ufficialità e i primi pronostici per la stagione che verrà. Archiviato il campionato 2020/2021 che ha incoronato l’Inter campione d’Italia in una stagione tra stadi chiusi, gare rinviate e battaglie giudiziarie innescate dal Covid, c’è una nuova annata da vivere. E per le squadre è il momento di iniziare a programmare il futuro, a partire dai ritiri precampionato che vedranno in corsa tanti nuovi allenatori: la Juventus riparte da Massimiliano Allegri, la Roma accoglie a sorpresa Josè Mourinho e per l’Inter il nome del dopo Conte è quello di Simone Inzaghi. Vediamo nel dettaglio come sarà l’estate delle squadre italiane.

Programma ritiri

ATALANTA – Da definire

BOLOGNA – Ritiro a Pinzolo dal 14 al 24 luglio

CAGLIARI – Ritiro ad Aritzo dal 27 al 31 luglio, poi a Pejo con date da definire

EMPOLI – Ritiro dal 5 luglio al Centro Sportivo di Monteboro

FIORENTINA – Ritiro a Moena dal 17 luglio al 31 luglio

GENOA – Ritiro a Neustift dal 12 al 24 luglio

HELLAS VERONA – Ritiro dal 10 al 24 luglio a Primiero San Martino

INTER – Raduno l’8 luglio ad Appiano Gentile

JUVENTUS – Da definire

LAZIO – Ritiro ad Auronzo di Cadore, date da definire

MILAN – Raduno l’8 luglio a Milanello

NAPOLI – Ritiro a Dimaro dal 15 al 25 luglio. Poi a Castel di Sangro dal 5 al 15 agosto

ROMA – Raduno a Trigoria il 6 luglio, da definire il ritiro

SALERNITANA – Da definire

SAMPDORIA – Ritiro a Pontedilegno, date da definire

SASSUOLO – Raduno a Reggio Emilia il 5 luglio, ritiro dall’11 al 25 luglio a Vipiteno-Racines

SPEZIA – Dal 12 al 25 luglio a Prato allo Stelvio, dal 28 luglio al 7 agosto a Ronzone

TORINO – Ritiro a Santa Cristina di Valgardena, dal 13 al 30 luglio

UDINESE – Raduno alla Dacia Arena il 7 luglio, ritiro ad Udine fino al 19 luglio, poi a Sankt Veit an der Glan fino al 1° agosto

VENEZIA – Ritiro a San Vito di Cadore dal 12 al 25 luglio

About the Author /

Romano, nato in una calda estate del 1995 mentre la capitale iniziava a scoprire Francesco Totti e Alessandro Nesta. Cresciuto tra la terra e i sassi dei campetti della periferia romana e appassionato di scrittura. Ma tra il pallone e la penna ho scelto un compromesso: scrivere di calcio