Serie A, Inter-Napoli 0-1: le pagelle

Maurizio Sarri - Foto Antonio Fraioli

A San Siro è andata in scena la gara tra Inter e Napoli, terminata sullo 0-1 grazie alla rete di Callejon. I partenopei si portano a meno uno dalla Roma. Per gli uomini di Pioli, invece, si complica anche il cammino verso l’Europa League.

Le pagelle

INTER

Handanovic 7
Al 20’ compie una gran parata su Mertens. Si fa trovare pronto in ogni occasione l’estremo difensore neroazzurro. E’ il valore aggiunto dell’Inter.

D’Ambrosio 6
Non è semplice per nessuno contenere i tre tenori campani, ma il difensore neroazzurro tenta di limitare i loro arrembaggi e il più delle volte ci riesce. Nella ripresa contribuisce alla fase offensiva.

Medel 5.5
Non impeccabile negli interventi di chiusura. Si lascia sorprendere troppo facilmente dal tridente ‘leggero’ campano.

Murillo 5.5
Fino alla prima mezz’ora di gioco tiene bene discretamente il confronto con Mertens. Poi, però, viene mandato quasi sempre fuori tempo dall’olandese.  (77’ Andreolli s.v.)

Nagatomo 4.5
Commette un errore imperdonabile in occasione dell’1-0 del Napoli, servendo di fatto l’assist per il gol a Callejon.

Gagliardini 5.5
Non una delle migliori prestazioni dell’ex Atalanta. Dopo una prima frazione di gioco in penombra, nella ripresa ha difficoltà a creare filtro al centrocampo e servire palle interessanti al reparto avanzato.

Brozovic 5.5
Poco incisivo nella manovra neroazzurra. Nella ripresa con lo scorrere dei minuti perde intensità.

Candreva 5.5
Poco concentrato e preciso. Dà una buona mano in fase difensiva, ma in fase di costruzione a volte pecca un po’ presunzione.

Joao Mario 5
Prestazione non sufficiente per il portoghese che fatica a sbloccare il gioco fin troppo statico dell’Inter. (59’ Perisic 6 entra in gara con un ottimo atteggiamento, rendensosi immediatamente pericoloso)

Eder 6
E’ uno dei più propositivi tra i neroazzurri, non trovando, tuttavia, la conclusione vincente. Nella seconda frazione di gioco si arrende con il trascorrere dei minuti. (73’ Banega s.v.)

Icardi 5.5
Non il solito Icardi, assolutamente. Fatica a trovare gli spazi giusti per attaccare la profondità. Troppo statico.

All. Pioli 5
L’inter cade nella sua San Siro contro il Napoli e si allontana dalla zona Europa. Pioli avrebbe dovuto inserire Perisic fin dal primo minuto, uno dei pochi, se non addirittura l’unico, in grado di donare qualità al gioco neroazzurro.

 

NAPOLI

Reina 6
Ordinaria amministrazione, nulla di clamoroso.

Hysaj 6.5
Tranquilli, c’è lui ad allontanare il pericolo. Contiene senza problemi le poche incursioni in area dei neroazzurri.

Albiol 6
Limita la manovra d’attacco dei neroazzurri, facendo spesso ripartire la compagine azzurra.

Koulibaly 6
Prestazione complessivamente sufficiente per il senegalese. Respinge le sporadiche incursioni in area dei neroazzurri.

Ghoulam 6
Compie bene entrambe le fasi, dando una mano anche sui calci piazzati. Dà fisicità e solidità alla retroguardia campana.

Zielinski 6.5
Qualità e tecnica al servizio della squadra. E’ evidente la crescita dell’ex Empoli che ancora una volta dà compattezza al centrocampo campano(63’ Rog 6 l’approccio al match è dei migliori)

Diawara 6
Nonostante la sua giovane età dimostra di avere una buona visione di gioco e di saper tenere alta la concentrazione per tutta la durata del match.

Hamsik 7
Un eccezionale metronomo che coordina perfettamente la manovra del Napoli. Da vero leader, dirige il gioco assumendo le sembianze di un allenatore in campo. (72’ Allan s.v.)

Callejon 7.5
Sigla la rete del vantaggio campano, fondamentale ai fini del risultato. Dà filo da torcere ai difensori neroazzurri con le sue cavalcate sul terreno di gioco. E’ il terzo elemento chiave di un trio perfetto.

Mertens 7
Inarrestabile. Riesce sempre a trovare la chiave giusta per essere pericoloso in area e impensierire Handanovic. Rende la vita impossibile alla retroguardia neroazzurra costringendola a fare gli straordinari. Senza dubbio è l’uomo in più del Napoli. (80’ Milik s.v.)

Insigne 6.5
Forse sbaglia troppo questa sera in fase di conclusione. Tuttavia, come sempre è in perfetta sintonia con gli altri due membri del trio delle meraviglie.

All. Sarri 7
Il Napoli vince l’ennesima prova di maturità in un terreno difficile come quello di San Siro. Ancora una volta, il trio dei ‘piccoletti’ domina e regala la vittoria ai partenopei. Il secondo posto è sempre più vicino.