Regolamento Nations League 2022/2023, come funziona il format della competizione

Marco Verratti Marco Verratti, Nazionale - Foto LiveMedia/Fabrizio Carabelli

Il regolamento della Nations League 2022/2023. Il torneo, che si svolge da settembre a novembre negli anni pari, è strutturato in quattro leghe (A, B, C, D) con meccanismi di promozione e retrocessione da un’edizione all’altra. Ogni lega è suddivisa in gironi da quattro o tre squadre. Nel giugno dell’anno successivo scattano le Final Four, a cui prendono parte le vincitrici dei gironi della Lega A. In caso di situazioni di parità nella classifica finale si tiene conto di classifica avulsa, differenza reti e gol segnati; in ultima istanza, sono applicati il punteggio “fair play” (con detrazione di un punto per l’ammonizione e di 3 per l’espulsione) e il posizionamento nel ranking continentale.

RISULTATI e CLASSIFICHE

Il format attuale prevede per ciascuna delle Leghe A, B e C un gruppo di 16 squadre suddivise in quattro gruppi da 4, mentre nella Lega D ci sono solo 7 squadre suddivise in due gruppi, uno da 4 ed uno da 3. Dalla Lega A retrocedono in Lega B le quarte classificate, mentre le vincitrici dei gironi di Lega B vengono promosse in Lega A. La medesima cosa avviene anche tra Lega B e Lega C, mentre dalla Lega C retrocedono in Lega D solo due squadre, che vengono determinate attraverso gli appositi play-out fra le quarte classificate; dalla Lega D sono promosse in Lega C le due vincitrici dei gironi.

L’autore: /

Mi chiamo Daniele Forsinetti, sono nato il 30 novembre 1996 ed ho una grande passione per la maggior parte degli sport. Scrivo per Sportface.it dal marzo 2020 e sogno di diventare un giornalista sportivo.