Volley, Playoff Superlega 2022: la Lube Civitanova batte Trento al tie-break e vola in finale

Civitanova Esultanza Cucine Lube Civitanova, Superlega 2021/2022 volley - Foto Legavolley

La Cucine Lube Civitanova ha sconfitto l’Itas Trentino per 3-2 (27-29; 25-21; 21-25; 25-15; 15-11), nel contesto di gara-5 delle semifinali dei Playoff Scudetto di Superlega 2021/2022 di volley maschile. Gli uomini di Blengini hanno messo in mostra il loro talento sul palcoscenico casalingo, riuscendo a conquistare il pass per la finale verso il titolo dopo aver rimesso tutto in discussione nel match precedente della serie; Lorenzetti comprensibilmente deluso per l’epilogo dei duelli con i cucinieri, considerando il massimo sforzo profuso dai suoi, vano in ultima istanza. Civitanova semplicemente superiore da un punto di vista caratteriale, di grinta e di voglia di riscattare un’annata non magnifica per risultati raggiunti; bene Trento, ma non abbastanza per sgretolare le certezze degli avversari.

PLAYOFF: IL TABELLONE DELLE SEMIFINALI

CALENDARIO SEMIFINALI: DATE, ORARI E TV

IL REGOLAMENTO: COME FUNZIONANO I PLAYOFF

TUTTI I RISULTATI DEI PLAYOFF SCUDETTO

IL RESOCONTO

Tra i protagonisti spiccano Lucarelli e Zaytsev, l’uno semplicemente martellante in ogni frangente decisivo del confronto e l’altro freddo, glaciale, risolutivo nei momenti clou. I due mattatori della Lube sono stati affiancati al meglio dall’efficienza in contrattacco di Yant, sorprendentemente spesso protagonista di accelerazioni determinanti, soprattutto nel corso del delicato secondo set. Nel cuore del quarto e determinante set, per la Lube, incredibile l’apporto propositivo di Garcia, autentica macchina da punti e trascinatore insospettabile del team. Per quanto concerne il tie-break in chiusura delle danze, da evidenziare l’intelligenza tattica di De Cecco, autore di una serie innumerevole di giocate utili alla cause e di un…finta più primo tempo vincente da urlo per 9-6 poi risultato provvidenziale. Benissimo Kaziyski, Lisinac e Michieletto per l’Itas Trentino, quantomeno per tre parziali, ma non abbastanza per il sogno finale. A chiudere definitivamente ogni discorso è stato in definitiva il sopra citato Simon, autore di un ace finale utile per abbracciare affettuosamente il suo pubblico e regalare la finale ai suoi. Civitanova all’ultimo atto dei Playoff Scudetto: un guizzo eccezionale nella circostanza di una stagione non esaltante.