Tuffi, Europei Roma 2022: bronzo per Di Maria e Timbretti nel sincro misto piattaforma 10 metri

Jodoin Di Maria e Timbretti Gugiu - Foto Andrea Staccioli e Andrea Masini / DBM

Una medaglia di bronzo sudata, e non scappata via con l’acqua quella raggiunta dall’Italia nella finale sincro misto piattaforma 10m agli Europei di Roma 2022. Sarah Jodoin Di Maria ed Eduard Timbretti Gugiu sono infatti riusciti a rimontare durante questa finale, dal penultimo fino al terzo posto, che significa podio e medaglia di bronzo.

COME VEDERE LE GARE IN TV

I RISULTATI DI GIORNATA

GLI ITALIANI IN GARA, GIORNO PER GIORNO

IL MEDAGLIERE AGGIORNATO

IL CALENDARIO COMPLETO: DATE, ORARI E TV

IL MONTEPREMI

La cronaca
La gara non era iniziata nemmeno in maniera eccelsa per gli azzurri, che dopo il primo tuffo erano quinti, e quindi penultimi, davanti solo alla Francia. Il secondo giro è anzi, possibilmente ancora peggiore, con solo 41 punti portati a casa ed un quinto posto che sembrava non scrollabile di dosso. Da qui in poi però, Sarah ed Eduard cambiano marcia e portano a casa tre tuffi eccelsi. Se infatti gli obbligatori sono stati scarsi, i liberi sono i migliori, portando una media più alta di tutti gli altri, Il finale dice ben 12 punti sopra la Germania e soli 10 sotto la Gran Bretagna prima. Al secondo posto la quotata Ucraina, che stecca gli ultimi due punti e perde l’oro per 2 punti.
La classifica
  1. Gran Bretagna 300.78
  2. Ucraina 298.59
  3. Italia 290.28
  4. Germania 278.58
  5. Spagna 255.30
  6. Francia 212.70

Ecco le parole dei protagonisti, a partire da Timbretti: “Possiamo migliorare molto sugli obbligatori e poi la parte finale dei tuffi. Siamo contenti, per il prossimo anno faremo degli obbligatori più puliti. La concentrazione va al 110% sul tuffo, non c’è spazio per le distrazioni, il vento non ci ha condizionato“. “Ci ho messo tanto ad addormentarmi dopo l’emozione di ieri. Abbiamo fatto una gara regolare, la tensione c’era“. L’azzurra ha poi aggiunto ai nostri microfoni: “I primi due tuffi non erano bellissimi, diciamo che erano normali, negli ultimi tre siamo andati meglio e questo ci ha permesso di risalire in classifica. Come sto fisicamente? Ho il legamento del pollice strappato, mi opererò l’8 settembre e ho problemi al tricipite reduci dal Mondiale. Difficoltà nel sincro uomo-donna? Noi ci divertiamo tantissimo insieme, e questo rende più belli anche gli allenamenti. Poi certo, è un po’ più complicato visto che lui (Tambretti, ndr) deve adeguarsi a me ed è molto bravo, io non posso saltare come un uomo (ride, ndr)” invece le dichiarazioni di Di Maria.