Rugby femminile, qualificazioni Mondiali: l’Italia demolisce per 38-13 la Scozia

Palla Rugby - Foto Hirobi CC0 Creative Commons

Buona la prima per l’Italia del rugby femminile. Questo pomeriggio, infatti, le ragazze di Andrea Di Giandomenico hanno sconfitto con uno stupendo 38-13 la Scozia. Partono bene per le azzurre le qualificazioni ai prossimi Mondiali in Nuova Zelanda. Discorso chiuso già dopo la prima frazione, con le italiane che riescono a siglare la bellezza di quattro mete. Nella ripresa, poi, le azzurre sono superlative nel contenere la reazione delle avversarie ma allo stesso tempo a non rinunciare ad offendere. Sugli scudi, tra le altre, una straordinaria Michela Sillari ed Ilaria Arrighetti. L’appuntamento adesso è per il 19 settembre, quando l’Italia se la dovrà vedere con l’ostica Irlanda.

RIVIVI LA CRONACA LIVE DI ITALIA-SCOZIA

IL PRIMO TEMPO – Le ragazze di Andrea Di Giandomenico disputano un entusiasmante primo tempo, conclusosi sull’eloquente punteggio di 26-6. Sono addirittura quattro le mete messe a segno dalle azzurre, la prima dopo appena due minuti con Giada Franco. L’Italia, poi, inizia a gestire a proprio piacimento il pallino del gioco e poco dopo la metà della frazione sigla anche la seconda meta grazie ad una splendida azione di Maria Magatti. Il parziale, poi, non poteva concludersi in modo migliore. Negli ultimissimi minuti, infatti, arrivano anche la terza e la quarta meta rispettivamente con Sara Barattin ed Ilaria Arrighetti. Bravissima anche Michela Sillari, che riesce nella trasformazione di tre calci su quattro. Male la Scozia, i cui unici sussulti giungono grazie a due calci realizzati da Helen Nelson.

IL SECONDO TEMPO – Alla ripresa la Scozia cerca di partire molto aggressiva e di mettere le tende nella metà campo italiana. L’ Italia riesce sempre a difendersi con ordine nei primi dieci minuti e l’unico pericolo proviene da un calcio piazzato (fallito) da Helen Nelson. Da qui fino al ventesimo minuto della frazione è Italia show. Sono la stessa Michela Sillari ed Emanuela Furlan, infatti, a siglare ben due mete proprio nel momento di massima sofferenza per le ragazze di Andrea Di Giandomenico.

Qui le scozzesi provano a reagire e con Lloyd vanno a mettere a segno la prima meta di giornata. Decisiva soprattutto la momentanea superiorità numerica delle avversarie, che sfruttano al meglio l’espulsione di Francesca Sgorbini. Finisce 38-13 per l’Italia, con le azzurre che si limitano a gestire nei minuti finali e Di Giandomenico ne approfitta anche per far assaggiare il campo un po’ a tutte le sue giocatrici.