Roland Garros 2022, preview day-6: Trevisan sogna la seconda settimana, Alcaraz all’esame Korda

Martina Trevisan Martina Trevisan, Roland Garros 2022 - Foto: Ray Giubilo

Tutto pronto per la sesta giornata del Roland Garros, che scatterà sulla terra rossa parigina e vedrà al via tanti tennisti di spicco. E’ tempo di terzi turni in Francia, dove si inizieranno ad assegnare i primi pass per la tanto ambita seconda settimana. Andiamo ad analizzare cosa ci riserva questo venerdì e cosa aspettarci da Parigi.

L’unica giocatrice italiana impegnata è Martina Trevisan, opposta all’australiana Daria Saville. La tennista azzurra, reduce dal suo primo titolo Wta a Rabat, ha travolto all’esordio Dart per poi ripetersi al secondo turno contro Linette. Il momento di forma è ottimo e la terra francese le porta bene – basti guardare il rendimento negli altri slam. Sicuramente ora il livello dell’avversaria si alza, ma secondo i bookmakers sarà sempre Martina a scendere in campo con i favori del pronostico. Le due giocatrici non si sono mai incontrare in carriera; in palio un posto agli ottavi contro la vincente del match Kerber-Sasnovich.

Il piatto forte di giornata saranno però i match maschili, dove tornano in campo i giocatori della parte alta del tabellone, nettamente più ricca e succosa. Sullo Chatrier sarà il turno di Novak Djokovic, opposto ad Aljaz Bedene. Match sulla carta senza storia che, a meno di clamorose sorprese, il serbo porterà a casa agevolmente. Non si può dire lo stesso invece della sfida serale tra Korda e Alcaraz, che si preannuncia molto più combattuta ed avvincente. Lo statunitense è stato infatti l’unico tennista capace di sconfiggere il classe 2003 sulla terra rossa in stagione (bilancio di 16-1) e si candida a ripetersi nel freddo della notte transalpina. Alcaraz partirà ovviamente favorito, ma bisognerà vedere come ha metabolizzato la maratona contro il connazionale Ramos, in cui si è trovato ad un solo punto dalla sconfitta.

Relegato sul Lenglen invece Rafa Nadal, a caccia della sua vittoria numero 301 a livello slam. Il suo avversario sarà l’olandese Van De Zandschulp, giocatore ostico ma apparentemente non in grado di poter dare del filo da torcere al maiorchino, in campo con i favori del pronostico. A seguire sarà il turno di Sascha Zverev, che l’ha scampata bella due giorni fa contro Baez. Il tedesco ha dovuto rimontare uno svantaggio di due set a zero oltre ad annullare un match point. In teoria non dovrebbe avere gli stessi problemi contro il giovane Nakashima, che a sorpresa si è spinto fino al terzo turno, ma meglio non prendere l’impegno sottogamba.

Per quanto riguarda le altre sfide, Norrie e Dimitrov partono favoriti rispettivamente contro Khachanov e Schwartzman. A caccia del pass per gli ottavi anche i nordamericani Auger-Aliassime ed Isner: il primo affronterà Krajinovic, il secondo Zapata Miralles. Molto più equilibrio nel femminile, dove sono numerose le sfide dall’esito incerto. Spiccano Azarenka-Teichmann (campionessa slam contro giocatrice in rampa di lancio) e Kerber-Sasnovich (ex numero uno al mondo reduce dal titolo a Lione contro solida bielorussa in gran spolvero). Favorite le giovani americane Anisimova e Gauff, rispettivamente contro Muchova e Kanepi, mentre Bencic tenterà di mietere un’altra vittima canadese: dopo aver estromesso Andreescu, proverà a far fuori Raducanu. Da seguire da vicino anche la sfida tra Sloane Stephens, che su questi campi ha raggiunto la finale qualche anno fa, e Diane Parry, beniamina di casa pronta ad essere incitata a gran voce dal pubblico.