Ginnastica artistica, World Challenge Cup 2017: Italia fuori dalle finali

Ludovico Edalli - Foto federginnastica

Si ė conclusa nella giornata di ieri, domenica 21 maggio 2017, la seconda tappa della World Challenge Cup, il circuito di Coppa del Mondo riservato ai singoli attrezzi della ginnastica artistica.

Al volteggio femminile si è imposta l’ungherese Boglarka Devai (14.300) che, dopo il secondo posto ottenuto a Koper settimana scorsa, è riuscita a salire sul gradino più alto del podio, superando la connazionale Zsofia Kovacs (14.034), vice-campionessa europea in carica. Terzo posto per la slovena Tjasa Kysselef (13.933). Sugli staggi ha trionfato Anastasia Ilyankova (14.200), promettente ginnasta russa al primo anno da senior, specialista dell’attrezzo, seguita da Zsofia Kovacs (14.133) e dalla polacca Gabriela Janik (13.400). Doppietta d’oro tra trave e corpo libero per la neo-senior brasiliana Thais Fidelis Dos Santos (13.467 sui dieci centimetri, 13.733 al quadrato), due medaglie anche per la connazionale Flavia Saraiva, prontamente rientrata dall’infortunio subito una settimana fa, di bronzo alla trave (12.933) e d’argento al corpo libero (13.633). Completano i podi Anastasia Iliankova, seconda alla trave (13.333) e la russa Liliia Akhaimova, terza al corpo libero (13.500).

Nel settore maschile, Italia a secco di medaglie: gli azzurri Edalli, Negro e Marzocchi non sono riusciti a qualificarsi tra i migliori otto in nessuna specialità e non hanno dunque preso parte alle finali. Appuntamento dopo la pausa estiva, dall’8 al 10 settembre a Szombathely, in Ungheria, per la terza tappa del circuito.