Ginnastica artistica, U.S. Classic: Smith incanta alla trave, Malabuyo trionfa tra le junior

Serie A2 di ginnastica artistica, Palalottomatica Roma - foto Sportface

Sabato 29 luglio, si è aperto il sipario sulla ginnastica a stelle e strisce. Gli U.S. Classic sono la prima gara stagionale in preparazione ai Campionati Nazionali.

Tra le Junior, a trionfare è stata una splendida Emma Malabuyo, che ha presentato quattro esercizi senza sbavature, ottenendo un punteggio complessivo di 56.750, il più alto della competizione anche tra le senior. La ginnasta della Texas Dreams inizia al volteggio, dove ottiene 14.500 per il suo DTY, si difende alle parallele (13.500) e brilla nei suoi attrezzi migliori, ricevendo 14.450 alla trave e 14.300 al corpo libero. Giornata sottotono per la campionessa nazionale Junior uscente Maile O’Keefe, oggi comunque seconda, che commette un errore a parallele (13.750), una caduta e diverse imprecisioni a trave (12.450), un buon esercizio a corpo libero (13.900) prima di concludere con un ottimo 14.650 per il suo doppio avvitamento a volteggio. Completa il podio Grace McCallum con 54.150.

Tra le senior, in molte hanno preferito preservarsi e non gareggiare su tutti e quattro gli attrezzi. Il primo posto complessivo è stato dunque conquistato da Alyona Shchennikova (54.950), che ha stupito soprattutto alle parallele (14.500), seguita da Abby Paulson (53.100) e Kaylany Steele (52.900). A farsi notare maggiormente è stata però una Ragan Smith in forma smagliante, che vince sia a parallele (14.550), con un esercizio ricco di difficoltà (6.0 il dscore in quello che è sempre stato il suo attrezzo debole), sia a trave, dove stampa un impressionante 15.350 (guarda l’esercizio). Ashton Locklear si presenta solo alla trave (13.600), Riley McCusker, reduce da alcuni infortuni, non compete a volteggio e commette diversi errori negli altri attrezzi (13.450 a parallele, 13.000 a trave, 13.300 a corpo libero).

Appuntamento dal 17 al 20 agosto ad Anaheim, California, dove si svolgeranno i P&G Championships, i campionati che decreteranno le nuove campionesse nazionali, l’ultima gara prima dei Mondiali di Montreal.