Wimbledon 2022, Nadal domina Sonego e accede agli ottavi: ora Van de Zandschulp

Rafa Nadal Rafa Nadal - Foto Ray Giubilo

Rafael Nadal ha sconfitto Lorenzo Sonego per 6-1, 6-2, 6-4 in occasione del terzo turno del torneo di Wimbledon 2022, guadagnando un posto agli ottavi. L’iberico ha letteralmente e indiscutibilmente dominato l’avversario, al loro primo scontro in eventi ufficiali, partendo forte nel corso del primo parziale e semplicemente gestendo un risultato mai in pericolo durante il prosieguo della partita. Sonego, dal canto suo, ha tentato di forzare i suoi migliori colpi, cadendo però spesso in errore con il dritto e soprattutto raramente mantenendo un’alta percentuale di prime in campo. Nadal ha mostrato un ottimo tennis dopo le incertezze dei due turni precedenti; il fenomenale maiorchino, a caccia del terzo Slam stagione, dovrà vedersela con l’outsider olandese Botic Van de Zandschulp per un pass ai quarti dei Championships. Dal canto suo, il torinese può senza dubbio considerarsi fiero del suo percorso e dei suoi progressi in questa stagione peculiare.

CALENDARIO ATP: TUTTI I TORNEI MESE PER MESE

TABELLONE

MONTEPREMI

RIVIVI LA DIRETTA

LE PAROLE DI NADAL SULL’ACCADUTO

INIZIO

Primo set iniziato come meglio non avrebbe potuto per Nadal, diligente al servizio, soprattutto con la prima mancina in campo, e soprattutto spesso superiore da fondocampo a discapito di Sonego. L’azzurro, dal canto suo, dopo alcune incertezze in uscita dal servizio, ha ceduto la battuta al più quotato avversario in occasione del quarto gioco; break in favore dello spagnolo certificato dopo un rovescio incrociato stretto fuori misura del torinese: 3-1. Strappo confermato da Nadal nel quinto game, seppur dopo due falli e una insidiosa situazione di 15-30 ai suoi danni, forzando bene i propri colpi alla battuta e in uscita da essa: 4-1. Doppio vantaggio afferrato da Nadal al termine del sesto gioco, usufruendo di una resa meno elevata del previsto da parte di Sonego; il tennista piemontese, infatti, ha commesso tre errori di dritto e un doppio fallo donando generosamente il 5-1 allo spagnolo. Netto 6-1 messo in pratica con quattro prime letali del mai domo spagnolo.

SVOLGIMENTO

Secondo set partito nuovamente in modo meraviglioso per Nadal, immediatamente abile a procurarsi un importante break nel game d’apertura; innanzitutto varie risposte profonde e millimetriche del maiorchino, costantemente propositivo, poi un passante con il dritto incrociato stretto per ‘mordere’ il gioco e passare avanti sull’1-0. Dopo aver confermato il vantaggio, Nadal ha mostrato nuovamente il suo talento nel contesto di pochi minuti; prima un altro break grazie a una serie di errori in uscita dal servizio, anche e soprattutto con il suo solitamente ottimo dritto, poi l’usuale gestione concreta alla battuta per un rapido 4-0. Il maiorchino, prima rallentando e poi tornando a inanellare vincenti, ha chiuso agevolmente sul 6-2; il tutto constatando però, prima, una buona reazione caratteriale di un Sonego finalmente fiducioso con la prima.

EPILOGO

Terzo set ben interpretato da Nadal, nuovamente, sin dai blocchi di partenza; l’iberico ha infatti strappato la battuta all’avversario al termine del primo game, riuscendo a spuntarla a 30. Break propiziato da un lob sulla riga semplicemente fenomenale e messo in pratica con un potente rovescio incrociato dal centro del campo: 1-0 e dominio puro. Secondo game iniziato con una smorzata vincente e conclusosi sul 2-0 in seguito a un serve and volley gestito alla perfezione. Seguendo il ritmo dei turni di battuta, Sonego ha elevato il suo livello di gioco, trascinando per la prima volta Nadal ai vantaggio nel sesto game; nella circostanza menzionata, l’iberico è riuscito ad avere la meglio pungendo con il suo super dritto inside-in, volando sul 4-2. In seguito a una breve pausa per permettere la chiusura del tetto sopra il Centrale, il maiorchino ha chiuso le danze con un 6-4 concreto; il tutto congelando e ufficializzando il suo successo dopo un piccolo brivido con break e contro-break tra ottavo e nono gioco. Da segnalare un Nadal visibilmente e inusualmente contrariato con Soengo, al termine del game numero otto, a causa di urla a suo dire fastidiose dell’avversario.