Wimbledon 2022, Djokovic batte Van Rijthoven: ai quarti trova Sinner

Novak Djokovic Novak Djokovic - Foto Ray Giubilo

Novak Djokovic batte, non senza difficoltà, Tim Van Rijthoven nella partita valida per gli ottavi di finale di Wimbledon 2022. Il campione serbo, infatti, viene colto di sorpresa nel secondo set, e a quel punto cambia completamente marcia non lasciando scampo all’olandese: 6-2 4-6 6-1 6-2 dopo due ore e quaranta di gioco. Ai quarti di finale, Djokovic troverà Jannik Sinner, giustiziere nel pomeriggio di Carlos Alcaraz.

CALENDARIO ATP: TUTTI I TORNEI MESE PER MESE

TABELLONE

MONTEPREMI

PRIMO SET – Il serbo appare in controllo sin dalle prime battute dell’incontro, a volte sembra fare leggermente fatica al servizio ma alla fine è più uno giocare al gatto col topo. Tanti i games lottati e che terminano ai vantaggi, ma vanno tutti in direzione dell’ex numero uno mondiale, che si porta subito sul 3-0 e poi sul 5-2 ottiene un nuovo break per il 6-2 finale.

SECONDO SET – Parte bene al servizio Djokovic, che impensierisce l’avversario anche con una palla break, annullata (2-2). Anzi, è proprio Van Rijthoven a salire nella pericolosità in risposta trovando un inaspettato break, confermato con un gran turno in battuta (3-5). Dopo un veloce turno al servizio di Djokovic, si arriva al momento della verità con il servizio dell’olandese, il quale annulla tre palle break al serbo e chiude con due ace (il primo con la seconda palla).

TERZO SET – Il terzo set è quello decisivo: Van Rijthoven riuscirà a sfruttare la carica del set precedente per provare il colpaccio, oppure uscirà il grande campione? La risposta giusta, forse banale ma nemmeno troppo, è la seconda. Djokovic cambia totalmente marcia mentre l’avversario paga le fatiche del set precedente. Si va subito sul 5-0, e il set si chiude in appena mezz’ora.

QUARTO SET – Djokovic trova un importante break in apertura di set, subito confermato. Van Rijthoven dà segni di vita a partire dal terzo game e a sfruttare le poche sbavature del serbo, che però conferma la propria solidità e non si lascia scappare l’occasione di chiudere in fretta il match.