Wimbledon 2019: Djokovic campione, Federer spreca due match point

Novak Djokovic - foto Ray Giubilo Novak Djokovic - foto Ray Giubilo

Novak Djokovic si laurea per la quinta volta in carriera campione nel torneo di Wimbledon, bissando il successo del 2018. Il tennista serbo si è imposto in finale su Roger Federer con il punteggio di 7-6 (7-5) 1-6 7-6 (7-4) 4-6 13-12 (7-3), in cinque ore e due minuti di gioco. Per il tennista di Belgrado è il sedicesimo titolo in tornei dello Slam.

Partita memorabile questo pomeriggio sul campo centrale di Wimbledon: Djokovic si è imposto dopo una vera e propria battaglia, conclusasi solamente al tie-break del quinto set sul dodici pari. Il serbo come al solito ha disputato un match illegale, prevalendo sia a livello fisico che a livello mentale. Roger Federer ha senza dubbio sprecato l’occasione di vincere, forse per l’ultima volta, il torneo londinese: i due match point sprecati col servizio a disposizione si sono fatti sentire come dei macigni, in particolare l’errore di dritto sul primo dei due. Lo svizzero ha comunque provato a restare in partita, ma la solidità mentale di Djokovic ha prevalso. La finale di oggi resterà sicuramente negli annali della storia del tennis.

Nel primo set Djokovic ha un momento di difficoltà nel quarto game e salva una pericolosa palla break, complice anche un errore di dritto del suo avversario, prima di tenere la battuta ai vantaggi. Nel decimo gioco Federer si porta a due punti dal set, ma il serbo recupera lo svantaggio grazie al proprio servizio e conquista il game ai vantaggi, alla seconda opportunità. Entrambi i tennisti tengono poi i successivi turni di servizio: sarà quindi il tie-break a decidere l’esito del primo set. Djokovic si porta avanti di un mini-break sul 3-1, giocando una grande risposta di rovescio. Lo svizzero però mette a segno un parziale di quattro punti consecutivi portandosi avanti di un mini-break. Sotto 5-3 il serbo si ritrova: recupera lo svantaggio e mette a sua volta a segno quattro punti consecutivi che gli permettono di conquistare il tie-break per sette punti a cinque. Prima frazione per lui con il punteggio di 7-6 (7-5).

In apertura di secondo set Federer breakka il suo avversario a quindici, portandosi subito avanti. Nel terzo game Djokovic si trova sotto 0-40 e dopo aver salvato una prima palla break cede nuovamente il servizio a quindici: 3-0 pesante in favore del suo avversario. Nel settimo game il serbo è ancora in difficoltà e subisce un terzo break, questa volta addirittura a zero. Secondo parziale dunque in favore di Federer con il punteggio di 6-1.

Il terzo set è sicuramente più equilibrato: entrambi i giocatori tengono piuttosto facilmente i rispettivi turni di servizio, non creando particolari problemi in risposta. Nel decimo gioco l’elvetico si procura un set point dopo aver giocato una demi-volée straordinaria, ma Djokovic è bravo a salvarla con una prima vincente e a tenere la battuta ai vantaggi. I due successivi turni di servizio vanno via piuttosto rapidamente: anche questo set verrà deciso al tie-break. Il serbo parte meglio e si porta subito avanti di un mini-break. Sotto 3-1 Federer commette un altro brutto errore di rovescio che manda il suo avversario avanti di due mini-break. Lo svizzero recupera un mini-break sul 5-1, ma ormai il tie-break è compromesso e si conclude con il punteggio di 7-4 per il suo avversario. Terza frazione in favore di Djokovic con un altro 7-6 (7-4).

Nel quarto set Federer gioca un ottimo turno di risposta nel quinto game e strappa a quindici la battuta al suo rivale. Sopra 4-2 il campione di Basilea continua ad essere pericoloso e breakka ancora una volta Djokovic, questa volta a trenta. Al cambio di campo il tennista di Belgrado ha a disposizione la prima palla break della partita, ma lo svizzero la salva con un vincente di rovescio al termine di uno scambio molto duro. La seconda palla break è però quella buona e il serbo riesce dunque a recuperare uno dei due break di svantaggio. Sul 5-4 Federer questa volta non trema e tiene il servizio, aggiudicandosi il quarto set e riequilibrando così la situazione: 6-4 in suo favore il quarto parziale.

Nel quinto set Djokovic si procura tre palle break – di cui due consecutive- nel quarto game, ma l’elvetico riesce a salvarle tutte grazie al proprio servizio e riesce a tenere la battuta ai vantaggi. Il break è di poco rimandato e arriva a trenta nel sesto gioco, alla seconda occasione. Avanti 4-2 il serbo subisce il contro-break ai vantaggi, alla seconda palla break concessa, commettendo anche un doppio fallo sul 30-30. Nel decimo game il serbo si trova a due punti dal match, ma Federer si salva e tiene la battuta. Sul 6-5 Djokovic è ancora pericoloso in risposta ed è nuovamente a due punti dalla vittoria, ma lo svizzero si salva ancora grazie al servizio. Nel quindicesimo game Federer breakka a trenta il serbo giocando un passante chirurgico di dritto. Nel game successivo lo svizzero non sfrutta due palle match consecutive col servizio a disposizione e alla prima occasione il serbo contro-breakka. Nel ventitreesimo gioco Djokovic salva due pericolose palle break non consecutive e tiene poi la battuta ai vantaggi. Federer tiene il servizio nel game successivo: sarà il tie-break del 12-12 a decidere il quinto set. Il serbo si porta avanti di un mini-break sul 2-1, riuscendo poi a comandare sempre il tie-break concluso con il punteggio di 7-3. Quinto parziale in suo favore con il punteggio 13-12 (7-3).