Tennis, esibizione Berlino 2020: Thiem si laurea campione, battuto in rimonta Berrettini

Dominic Thiem - Foto Roberto Dell'Olivo

In una finale incredibilmente equilibrata, è Dominic Thiem a spuntarla e a laurearsi campione del torneo d’esibizione andato in scena sull’erba di Berlino. Non riesce il double a Matteo Berrettini, che pochi giorni fa aveva trionfato in Costa Azzurra, sconfiggendo in finale Tsitsipas ed aggiudicandosi l’Ultimate Tennis Showdown. Quest’oggi, purtroppo, nonostante il primo set vinto al tie-break, l’azzurro non è mai andato particolarmente vicino alla vittoria, cedendo il secondo set per 6-4 e capitolando definitivamente nella terza frazione, persa 10-8 ma dove è sempre stato in svantaggio. Termina dunque un periodo estremamente intenso per Berrettini, che dopo un inizio di stagione caratterizzato dagli infortuni sembra tornato più in forma che mai.

RIVIVI IL LIVE DEL MATCH

GLI HIGHLIGHTS DEL MATCH

CRONACA – Primo set dominato dai servizi e privo di palle break. Tuttavia, non sono mancate le emozioni ed il livello di tennis offerto è stato di livello molto alto. L’equilibrio regna sovrano, ma l’impressione è che tra i due sia Thiem ad avvicinarsi maggiormente ad un ipotetico break, come testimoniano effettivamente gli unici due giochi approdati ai vantaggi quando a servire era Berrettini. Poco importa, però, dato che alla fine il primo parziale si rivela troppo combattuto per non essere deciso dal tie-break. L’austriaco parte meglio e, forte del mini-break ottenuto in apertura, si issa sul 4-1. L’azzurro però non molla e con una rimonta favolosa che lo porta a conquistare 6 punti consecutivi, fa suo il primo set assicurandosi il jeu decisif per 7-4.

Berrettini prova a sfruttare il momento favorevole e, dopo aver tenuto comodamente la battuta in apertura, si procura due chance di break nel gioco seguente. La reazione di Thiem non tarda ad arrivare e la fuga di Matteo è costretta a subire una battuta d’arresto. Dopo un paio di games di stallo, dove i servizi non tremano, il gioco cruciale si rivela essere il settimo, dove l’austriaco parte forte e si procura tre opportunità per ottenere il break. Matteo annulla le prime due, ma poi nulla può sulla terza, che regala a Thiem la possibilità di allungare. Nonostante il tentativo dell’azzurro di rientrare nel parziale, il numero tre del ranking Atp è molto bravo a gestire il vantaggio ed amministra al meglio i suoi turni di servizio, assicurandosi il secondo set per 6 giochi a 4.

Nel parziale finale, Berrettini si ritrova costretto a rimontare sin da subito e fatica a tenere il passo di Thiem. Fatale l’inizio un po’ sottotono, che ha permesso a Thiem di portarsi sul 7-3 e di ipotecare di fatto la vittoria. Nonostante uno splendido finale dell’azzurro, che a prescindere dalla situazione compromessa non ha mai smesso di crederci, alla fine è stato Dominic ad avere la meglio e ad imporsi dopo un’ora e mezza di gioco.