Tennis, Barty: “Non giocherò negli Stati Uniti, il rischio di contagio da Covid-19 è troppo alto”

Ashleigh Barty - Foto Roberto Dell'Olivo

Ho deciso insieme al mio team di non volare negli Stati Uniti per disputare il Wta di Cincinnati e gli Us Open. Nonostante io adori entrambi i tornei, il rischio di contagio da Covid-19 è ancora troppo alto e non mi sentirei a mio agio ad esporre me e il mio team ad una situazione simile. Auguro alla Usta il meglio per questi tornei e mi auguro di tornare a Flushing Meadows il prossimo anno“. Queste le parole di Ashleigh Barty, numero uno del ranking Wta, che ha spiegato i motivi della sua assenza nei tornei in programma negli Stati Uniti quest’estate. Oltre a Barty, nell’entry list del torneo di Cincinnati mancano anche altri nomi piuttosto blasonati come Osaka, Halep o Andreescu. Ancora incerta, invece, la presenza dell’australiana al Roland Garros, dove è campionessa in carica: “Nelle prossime settimane prenderò una decisione“.