Atp Finals 2019, Tsitsipas supera Thiem al termine di una finale spettacolare

Stefanos Tsitsipas, Laver Cup - Foto Roberto Dell'Olivo

Stefanos Tsitsipas sconfigge Dominic Thiem con il punteggio di 6-7(6) 6-2 7-6(4) dopo 2 ore e 35 minuti di gioco e si aggiudica le ATP Finals 2019. Partita splendida di altissimi contenuti tecnici, fisici e mentali. Clamorosa una volta di più la forza del 21enne di Atene, capace di rimontare e gestire con la tranquillità di un veterano la partita più importante della sua giovanissima carriera. Esce a testa altissima Dominic, che ha dimostrato ampiamente quanti progressi ha ottenuto sul cemento nel 2019.

ECCO GLI HIGHLIGHTS

ECCO IL MONTEPREMI COMPLETO

LA CRONACA – Avvio di match molto contratto da parte di Thiem che rischia di cedere la battuta nel quarto gioco dell’incontro a causa di un paio di rovesci sbagliati ed una sciagurata volée d’approccio. L’austriaco cancella però la prima palla break del match con un pesantissimo dritto inside-in che inchioda Tsitsipas e costringe l’ateniese a rimandare momentaneamente l’allungo. I problemi per Dominic proseguono nel sesto gioco, quando è costretto a rimediare ancora una volta ad un paio di errori in manovra. È il servizio questa volta a tenere a galla il numero 5 del Mondo, che pochi minuti dopo si fa finalmente vivo in risposta conquistandosi due break-points non consecutivi. Anche il greco dimostra personalità, cancella le chances di break e tiene la testa del parziale. Soffre maledettamente Thiem a mantenere un turno di servizio in relativa tranquillità e nell’ottavo gioco due dritti dal centro lo costringono a fronteggiare 2 palle break consecutive. La garra dell’allievo di Massu è però encomiabile ed il turno di servizio è nuovamente salvo. Si arriva faticosamente e meritatamente al tie-break, dove è proprio Dominic a prendere il largo volando sul 5 a 2. Un dritto in corridoio dell’austriaco rimette in carreggiata il 21enne di Atene, ma non basta: il primo set lo incamera Thiem con il punteggio di 7-6(6) in 1 ora e 5 minuti di gioco.

La fatica profusa per portare a casa un durissimo primo set finisce per svuotare di energie Dominic, che gioca un terribile primo gioco e consegna il break all’ateniese. Il passaggio a vuoto dell’austriaco prosegue e Tsitsipas si ritrova avanti 4-0 senza particolari meriti. Un secondo parziale a senso unico termina con il punteggio di 6-2 a favore di Stefanos: un set pari dopo 1 ora e 31 minuti di gioco.

Urge una reazione del bombardiere austriaco ed arriva nel primo gioco del set decisivo. Thiem mantiene la battuta annullando un break-point e mettendo a segno un paio di punti da cineteca che infiammano il centrale di Londra. Tsitsipas non si lascia scalfire però dall’accenno di reazione dell’austriaco e nel terzo gioco incassa un altro break che di fatto potrebbe indirizzare la finale. Con il passare dei minuti la sensazione è che il numero 1 d’Austria debba fare i miracoli per ottenere il punto e nel sesto gioco sono proprio due clamorosi punti ottenuti in estrema difesa che consegnano a Dominic un inaspettato contro break. Cresce il livello della partita ed il secondo tie-break del match è l’approdo più giusto per una finale di altissimi contenuti. Il primo allungo è di Stefanos che approfitta di due rovesci sbagliati dell’austriaco per portarsi avanti addirittura di due minibreaks. Thiem risale la china con un paio di rovesci dinamitardi, ma non basta: vince Stefanos Tsitsipas con il punteggio di 6-7(6) 6-2 7-6(4) dopo 2 ore e 35 minuti di gioco.