Musetti in campo a Forlì: “Dopo il match con Wawrinka mi veniva da piangere”. Avanti Tiafoe e Coria Jr

Lorenzo Musetti - Foto Marta Magni Lorenzo Musetti - Foto Marta Magni

Secondo match dalle 10.00 sul Campo Centrale. Lorenzo Musetti è pronto all’esordio agli Internazionali di Tennis Città di Forlì “Memorial Piero Contavalli”, ATP Challenger 100 organizzato da MEF Tennis Events al circolo Tennis Villa Carpena. Il talento azzurro classe 2002 sfiderà il russo Teymuraz Gabashvili. In attesa di scendere in campo, ‘Muso’ ha ripercorso l’indimenticabile avventura agli Internazionali BNL d’Italia, che gli permetterà di entrare tra i primi 180 giocatori della classifica ATP.

A tu per tu con Lorenzo Musetti – “Quando sono entrato al Foro Italico e non ho trovato il pubblico ho pensato all’anno scorso, quando sin dalle prequalificazioni era tutto pieno – ha affermato l’allievo di Simone Tartarini -. Mi ha fatto effetto, considerando anche tutte le volte in cui sono venuto da bambino a guardare i campioni dalla tribuna. Ma lo abbiamo accettato e sono riuscito a concentrarmi sul campo. In qualificazioni non è stato semplice affrontare il mio amico fraterno Giulio Zeppieri: la sera prima dell’incontro abbiamo cenato insieme e ci siamo dati appuntamento in campo. È stata una bella battaglia, quando ero sotto 1-3 al terzo set ho accettato di aver perso, poi invece sono stato bravo a rimontare e vincere (6-1 5-7 6-3, ndr). Cosa ho pensato quando ho saputo che avrei giocato contro Wawrinka sul Centrale? ‘Che sfiga!’. Durante il match ho pensato a come metterlo in difficoltà, senza guardare troppo il punteggio che procedeva in mio favore: averlo battuto è un grande orgoglio, è stato il momento più bello della settimana, mi veniva da piangere”. Poi un riferimento a Jannik Sinner: “I suoi complimenti mi hanno fatto molto piacere. Secondo me lui è più avanti di me come maturità e come classifica, al momento è più forte”. E i complimenti di Rafael Nadal: “Non me l’aspettavo, neanche l’ho visto arrivare. È stato molto umile e genuino”. Il black-out durante la sfida contro Nishikori? “Inizialmente mi sono preoccupato. Essendo il più giovane in campo, pensavo di non essere in grado di gestire una situazione così particolare. Poi è andata bene e ho ringraziato chi non ha pagato le bollette (ride, ndr)”. Nessun dubbio sulla dedica: “Senza il mio coach Simone Tartarini queste vittorie non sarebbero state possibili”. In conclusione: “Il Foro Italico può rappresentare uno step di crescita importante da tutti i punti di vista. Ora sono qui a Forlì e ho tanta voglia di lottare. Devo ringraziare Marcello Marchesini e MEF Tennis Events per il percorso che mi fanno vivere dall’anno scorso: hanno sempre creduto in me e lo dimostrano continuamente. I tornei organizzati da loro sono simili ai Masters 1000”.

Brillano Tiafoe e Coria Jr – Comincia bene l’avventura di Frances Tiafoe, testa di serie numero 1: lo statunitense ha battuto il giocatore di Taiwan Tsung-hua Yang con il punteggio di 6-3 6-0 in un’ora esatta di gioco. Avanti anche Federico Coria (fratello minore dell’ex numero 3 del mondo Guillermo), reduce dagli Internazionali BNL d’Italia in cui si è qualificato e ha battuto Struff prima di arrendersi a Berrettini. L’argentino si è imposto sul tennista di Taipei Chun-hsin Tseng con lo score di 7-5 3-6 4-2 ritiro (crampi): “Sono molto felice per questo successo. È stata una partita complicata contro un ottimo giocatore di cui sentiremo parlare in futuro. Sono stato solido per tutto l’incontro e alla fine lui ha ceduto fisicamente: credo che anche la differenza di esperienza abbia pesato” Inevitabile il riferimento a Roma: “Al Foro Italico ho vissuto la settimana più bella della mia vita, tennisticamente parlando. Le vittorie di Roma mi hanno dato tanta fiducia. Mio fratello Guillermo? Si è entusiasmato per i miei risultati agli Internazionali BNL d’Italia, dove nel 2005 ha disputato una finale storica contro Rafael Nadal (persa al tie-break del quinto set, ndr). Mi parla tanto, mi dà consigli e ci sentiamo sempre su Whatsapp. Lui, la mia fidanzata e la mia famiglia sono contentissimi del mio rendimento”. Vincono anche Andrea Pellegrino, Thomaz Bellucci, Lloyd Harris, Thiago Monteiro, Guilherm Clezar, Cameron Norrie e Pedro Sakamoto.

I risultati di lunedì 21 settembre 

Primo turno

Thomaz Bellucci b. Elliot Benchetrit 6-4 6-2

Lloyd Harris b. Andrea Arnaboldi 7-6(4) 1-6 7-6(4)

Thiago Monteiro b. Yuichi Sugita 6-1 7-6(2)

Federico Coria b. Chun-hsin Tseng 7-5 3-6 4-2 rit.

Guilherme Clezar b. Matthias Bachinger 7-6(8) 3-6 6-3

Andrea Pellegrino b. Viktor Galovic 6-4 6-4

Cameron Norrie b. Christian Harrison 7-5 3-6 6-4

Pedro Sakamoto b. Andrea Vavassori 4-6 7-6(5) 6-3

Frances Tiafoe b. Tsung-hua Yang 6-3 6-0