Murray critica Kyrgios dopo Cincinnati: “L’arbitro non avrebbe dovuto tollerare il suo comportamento”

Andy Murray - Foto Roberto Dell'Olivo

Andy Murray si schiera contro il comportamento di Nick Kyrgios, eliminato al secondo turno del Masters 1000 di Cincinnati 2019. Nel match perso contro Khachanov, il nativo di Canberra si è reso protagonista di lanci di racchetta e offese ingiuriose contro il giudice di sedia. E’ arrivata puntuale la multa di oltre 100 mila dollari per il bad boy australiano, cui prossimo impegno sarà a New York con i consueti Us Open.

Varie critiche dal mondo del tennis nei confronti di Kyrgios. Anche Murray non si è risparmiato. “Non è stato assolutamente bello – spiega lo scozzese alla BBC – ci sono rimasto male per Fergus (l’arbitro ndr) perché non avrebbe dovuto tollerare una cosa del genere. Ho parlato un po’ con lui la scorsa notte dopo l’incontro. Dipende tutto da lui, è tornato a commettere gli errori che faceva prima. A Washington aveva fatto un buon lavoro grazie anche al sostegno del pubblico. Spero solo che lo capisca, perché una settimana come quella di Washington è davvero buona per il tennis, invece la scorsa notte non lo è affatto”.