Matteo Berrettini: “Non so ancora se giocherò gli Us Open, temo la quarantena”

Matteo Berrettini - Foto Ray Giubilo

“Us Open? È dura. Una decisione che va oltre il tennis. Mi va di giocare, ma temo la quarantena. Non sappiamo nemmeno al 100 per 100 se si potrà giocare in Europa in autunno. La verità è che sono ancora indeciso”. Matteo Berrettini si mostra ancora indeciso in merito alla sua partecipazione o meno agli US Open in America. Lui che era in Florida durante il locdown, ma è poi riuscito a tornare in Europa per tempo come racconta a La Stampa: “L’ho scampata: sono tornato in Europa in tempo”. L’azzurro non ha giocato nemmeno all’Adria Cup, diventato successivamente un incredibile focolaio di coronavirus: “Mi era stata proposta, poi ho deciso per l’Uts. Purtroppo si è visto che bastano poche persone per far scattare il contagio. Non so di chi sia stata colpa. Io probabilmente non avrei agito nella stessa maniera, ma non mi sento di buttare la croce addosso a Djokovic”. Il 2021 si prospetta un anno di crisi: “Tanti tornei hanno perso soldi, ci saranno tagli da parte degli sponsor. Speriamo nel vaccino, poi tutti dovremo fare uno sforzo. Se mi vaccinerò? Se non mi prendo il virus nel frattempo, sì”.