Masters 1000 Montreal 2022, Hurkacz in semifinale: Kyrgios crolla nel terzo set. Domani affronterà Ruud

Hubert Hurkacz Hubert Hurkacz, Miami 2022 - foto Ray Giubilo

Hubert Hurkacz è il primo semifinalista del Masters 1000 di Montreal 2022, grazie alla vittoria in tre set su Nick Kyrgios con il punteggio di 7-6(4) 6-7(5) 6-1 dopo un’ora e 49 minuti di gioco. Si tratta della seconda semifinale a livello 1000 per Hurkacz quest’anno dopo quella raggiunta a Miami, mentre Kyrgios dopo la vittoria del torneo di Washington è apparso decisamente provato a livello fisico nel parziale decisivo. Il polacco domani troverà Casper Ruud, che ha posto fine alle velleità del padrone di casa Felix Auger-Aliassime al termine di una partita che il canadese ha giocato come peggio non avrebbe potuto. Dopo aver vinto il primo game, infatti, ha subito un incredibile parziale di dieci a games a zero che l’hanno visto sprofondare sotto 6-1 4-0 nel punteggio. Match virtualmente finito, con Ruud che poi chiude per 6-1 6-2.

IL TABELLONE DEL TORNEO

MONTEPREMI E PRIZE MONEY DEL TORNEO

La cronaca – Il primo set scorre via piuttosto regolarmente, con Kyrgios che appare fin da subito alle prese con qualche acciacco alla schiena. L’australiano velocizza estremamente il gioco tra un punto e l’altro e le palle break sono quasi un miraggio: sia Kyrgios che Hurkacz ne annullano una a testa, poi l’australiano tiene il servizio in meno di 45 secondi (IL VIDEO) per garantirsi il tiebreak che è l’epilogo più naturale. Qui però Kyrgios concede all’inizio per il 4-1 Hurkacz che si rivela decisivo per le sorti del parziale. Decisamente più difficile il secondo set al servizio per entrambi, con ben cinque palle break annullate da Hurkacz nei primi due game in battuta e due da Kyrgios. Si va ancora una volta al tiebreak, dopo poco più di un’ora di gioco a ritmi elevatissimi: stavolta è Kyrgios a spuntarla, anche grazie a un paio di “nastri amici”.

Il terzo set però si apre con il break di Hurkacz ai danni di Kyrgios, che si lamenta anche del cambio di vestiti da parte dell’avversario con il giudice di sedia. L’australiano esce di fatto dalla partita, il polacco non si scompone e chiude con un rapido 6-1.