Masters 1000 Cincinnati, disastro Zverev: è in crisi nera. Battuto anche da Kecmanovic

Alexander Zverev - Foto Antonio Fraioli

Alexander Zverev è davvero in crisi nera. Nel secondo turno del Masters 1000 di Cincinnati (Usa, cemento) il tennista tedesco viene rimontato e sconfitto dal qualificato serbo Miomir Kecmanovic, numero 58 del mondo, con lo score finale di 6-7(4) 6-2 6-4 dopo due ore e diciotto minuti di partita. Addirittura venti i doppi falli di uno Zverev apparso in confusione totale. Nella prima frazione di gioco il serbo parte meglio ma perde il break di vantaggio nel quinto gioco, poco dopo è Zverev a non sfruttare la possibilità di servire per il set. Si arriva al tie-break dove il teutonico chiude per 7-4. Poi comincia il calvario: dal 2-2 del secondo set subisce un parziale di quattro games filati, con errori a ripetizione, che permettono a Kecmanovic di vincere il parziale per 6-2. Nel set decisivo non c’è mai la sensazione che Zverev possa far girare l’incontro e soccombe con lo score di 6-4.