Fiona Ferro è la regina del Wta Palermo 2020: Kontaveit cede in due set

Finale WTA Palermo 2020 - Foto Sportface

Fiona Ferro è la regina di Palermo. La francese vince il Wta International del capoluogo siciliano, il primo in programma dopo la ripresa del tennis, battendo la favorita Anett Kontaveit in due set col punteggio di 6-2 7-5 in un’ora e quarantatré minuti di gioco: la transalpina conquista il suo secondo titolo in carriera e sale alla posizione numero 44 del ranking ed è la miglior posizione mai raggiunta, mentre l’estone (nuova numero 20 al mondo), stasera mai del tutto convincente, deve cedere all’avversaria che ha mostrato colpi migliori e maggiore costanza.

Avvio autoritario della Ferro, che dimostra immediatamente di essere ancora in scia rispetto al match di ieri con la Giorgi e trova il break in apertura. La francese colpisce forte e raramente sbaglia, mentre la Kontaveit alterna finezze a errori che non le consentono di evitare il 2-0 immediato dell’avversaria, nonostante il 15-30. Nel terzo game l’estone tiene finalmente la battuta, ma deve passare per i vantaggi, viceversa la Ferro appare sempre decisa al servizio e con un’idea ben chiara in testa. La Kontaveit esagera con i lungolinea in una serata in cui prima di far punto deve sudarsela decisamente di più rispetto alla francese, che nel settimo game trova addirittura il secondo break – il linguaggio del corpo dell’estone dice tutto – e può servire cosi per il set. C’e un sussulto d’orgoglio della Kontaveit, spinta da venticinque tifosi giunti fino al capoluogo siciliano direttamente dall’Estonia: da 40-0 annulla tre palle set e allunga il gioco ai vantaggi grazie a due linee piene trovate, ma la Ferro non vanifica tutto e trova la lucidità per chiudere in 40 minuti il primo set.

La Kontaveit sembra poter dare una sferzata al match a inizio secondo set e dopo aver aperto bene al servizio trova subito un break a 30 che dimostra come sia in grado di alzare il livello del suo tennis nonostante un’avversaria che si è dimostrata più insidiosa del previsto. La Ferro non ci sta e risponde immediatamente: l’estone si fa sorprendere e subisce il controbreak a zero proprio nel momento più delicato, complice anche il solito gioco solido, efficace e mai fine a se stesso della francese, che torna precisa al servizio, esplora la discesa a rete e riporta tutto in parità. La Ferro si riscopre pure fortunata e più di una volta viene agevolata dal nastro, la Kontaveit preferisce invece cominciare a giocare ogni punto come fosse l’ultimo, ma la tattica dei vincenti non funziona e nel sesto game, in cui si va ai vantaggi, ha la meglio la razionalità della transalpina. L’estone fa comunque valere il ranking nettamente migliore – con l’approdo in finale è la numero 20 al mondo – e nell’ottavo game per una volta sfrutta l’opportunità al servizio e trova un nuovo break ai vantaggi, rispondendo davvero bene, che vale il 5-3 e servizio. Dopo aver rischiato di perdere il servizio, dunque, è proprio l’estone a sorprendere la francese, ma ancora una volta la Kontaveit non riesce ad approfittare appieno di uno dei suoi momenti migliori e subisce ancora l’immediato controbreak della Ferro, che trova angoli mai trovati e scalda il pubblico palermitano.

La francese è in stato di grazia e si permette anche alcune palle radenti il nastro, soluzioni complicate ma che a lei riescono, mentre l’estone va ancora in difficoltà e commette errori incomprensibili. Si va così sul 5-5 in un secondo set dal finale incerto.

Entrambe alzano il proprio livello di gioco a un passo dal tie-break e la Ferro trascina l’undicesimo game ai vantaggi grazie a due risposte identiche strepitose di fila in lungolinea, conquistandosi una palla break che viene prontamente annullata dalla Kontaveit con l’ennesima riga lambita dalla pallina in questa partita, quindi una seconda opportunità che stavolta la Ferro – complice la seconda non irresistibile dell’estone- non spreca. Terzo break del set per la transalpina che dunque al cambio campo può servire per il match. La Kontaveit riesce ad annullare la prima palla match trascinando il game ai vantaggi, ma alla seconda chance la Ferro non sbaglia e conquista la meritata vittoria.