Internazionali BNL 2016, Claudia Giovine: “Ero e sono sempre la cugina di Flavia Pennetta”

Claudia Giovine - Internazionali BNL d'Italia 2016 - Foto Sportface

Un ottimo secondo set salvo poi cedere nel terzo. Claudia Giovine ha un’ottima bella figura nel primo turno degli Internazionali BNL d’Italia contro l’americana Cristina McHale. Una settimana comunque da incorniciare dopo la splendida cavalcata compiuto nel torneo di Prequalificazioni e la vittoria di ieri ottenuta in doppio con Angelica Moratelli. Una maggiore consapevolezza dei propri mezzi, dopo quanto accaduto al Foro Italico, e una classifica da migliorare. La tennista pugliese, cugina di Flavia Pennetta, si è dimostrata piuttosto ottimista in vista del prossimo futuro.

“Ci sono dei momenti in cui l’emozione e la fatica prendono il sopravvento. Alla fine del terzo set ero poco lucida. M’è dispiaciuto perché sapevo di poter vincere e avevo le possibilità di farlo. Avrei potuto sfruttare meglio l’occasione”.

“Sto lavorando fisicamente e i risultati si vedono bene. Ho giocato più tornei di fila per mettere più partite insieme. È dura essere sempre al 100%”.

“Sono sempre stata la cugina di Flavia Pennetta e rimango quella. Lei continua sempre a darmi tanto e insegnarmi. Ci siamo allenate insieme quando c’era la possibilità di farlo. Penso sia un rapporto normale tra cugine. Olimpiade? Conoscendola non credo proprio che la giocherà”.

“Oggi era più adrenalina e energia positiva mal gestita. A parte alti e bassi mi sembra di aver giocato abbastanza bene”.

“Non cambierà nulla riguardo la programmazione. Continuerò a fare tornei che già mi ero prefissata di fare. Se ci sarà possibilità di giocare altri WTA ben venga”.

 

L’autore: /

Nato nel ’90 come Mario Balotelli, con cui ho in comune oltre l’età la passione per il calcio e le freccette, sono redattore presso Spazio Tennis e studio nel tempo perso. Potrei abbindolarvi dicendovi che amo il calcio champagne ed il tiki taka ma, in realtà, mi soffermo su piccoli particolari come i capelli di Lemina o l'alta percentuale di cross di Isla sugli stinchi avversari.