Australian Open, Djokovic: “La chiave è stata vincere il primo set. Rispetto per Federer”

Novak Djokovic - Foto Roberto Dell'Olivo

Novak Djokovic, nella prima semifinale dell’Australian Open, si è sbarazzato di Roger Federer in tre set per 7-6, 6-4, 6-3, garantendosi l’accesso alla finale di domenica. Il risultato è netto, ma la partita è stata tutt’altro che facile per il serbo, che ha così analizzato la sua prestazione contro il numero tre del mondo: “Beh, stavo cercando di concentrarmi su me stesso, il team mi ha detto di dare la priorità al mio gioco invece di pensare a come si sente o come si muoverà, come giocherà. Ma è più facile a dirsi che a farsi. Quando ero in campo all’inizio, stavo davvero prestando troppa attenzione al suo movimento, non ero nel mio giusto equilibrio, non stavo colpendo la palla, non stavo eseguendo i tiri come volevo e sono andato sotto 1-4 e 0-40. Ho avuto la fortuna di farlo bene in quei momenti. Il servizio mi ha risolto un problema diverse volte. Dopo aver chiuso il primo set, che era cruciale, penso di essermi rilassato di più e ho iniziato a muovere meglio la palla. Mi sentivo di più con il controllo del gioco nel secondo e nel terzo set. Non è mai facile giocare contro Roger. Voglio dire, ovviamente stavo soffrendo. Lo rispetto per aver fatto tutto il possibile. Dopo aver perso il primo set , è stato fatto un esame medico, poi è tornato e ha giocato tutta la partita. Questo merita davvero rispetto. È triste che non fosse al suo meglio. Penso ancora che abbia giocato abbastanza bene. Stavo caricando sulla rete e provando a mescolare il gioco. Quando ti senti un po ‘ferito, cerchi ancora di più i tuoi colpi. In ogni caso, vincere il primo set è stata probabilmente la chiave, un punto di svolta “.

Nole sta disputando un grandissimo torneo a Melbourne, probabilmente anche grazie alla fase di preparazione prima della competizione, che l’ha visto tra i protagonisti dell’ATP Cup: “Sì, sono soddisfatto del modo in cui mi sono sentito e suonato. Penso che la ATP Cup sia andata molto bene, ho trascorso molte ore in pista, in singolo e in doppio. È stata un’ottima preparazione per gli Australian Open. Ho vinto molta energia positiva. Ho perso solo un set fino alla finale. E ora ho due giorni senza una partita in questo momento, è davvero buono. Mi dà più tempo per recuperare e raccogliere tutta l’energia necessaria per la finale”.

Roger Federer ha subito un infortunio durante il match contro Djokovic, ma nonostante il dolore ha continuato a giocare fino alla fine, senza mai gettare la spugna; a tal proposito il tennista serbo ha speso delle parole di elogio per il suo rivale: Rispetto. È tutto ciò che posso dire. Ho avuto dei ritiri durante la mia carriera. So cosa provi quando ti ferisci in campo. Conosco la quantità di pensieri che ti vengono in mente se dovresti continuare o no, se peggiorerà. Solo il giocatore sa cosa sta succedendo in quel momento, ovviamente è davvero difficile confrontare gli infortuni, perché tutti subiscono un infortunio, ma penso che sia un fatto sorprendente che non si sia mai ritirato da una partita, nemmeno una singola partita. , per tutta la sua carriera. Ho un grande rispetto per questo“.

Il numero due del mondo, ora, può concedersi due giorni di riposo prima di pensare alla finale dove si troverà di fronte il vincente della sfida tra Dominic Thiem e Alexander Zverev, due avversari con caratteristiche diverse, ma che Nole non vuole sottovalutare: “Beh, Dominic ha vinto la nostra ultima partita a Londra. Ha giocato una partita eccellente contro Rafa ieri sera. È sicuramente uno dei migliori giocatori del mondo. Merita di essere dove si trova. Sembra che abbia migliorato notevolmente il suo gioco su questo campo. Clay, ovviamente, è la sua superficie preferita; ma vincere Indian Wells lo scorso anno e battere Roger in finale, penso che probabilmente gli ha dato molta fiducia sul fatto che può anche vincere grandi tornei su altre superfici. D’altra parte, Sascha non ha iniziato l’anno molto bene. Ho visto le sue partite. Mi sono allenato con lui a Brisbane durante la ATP Cup. Non si sentiva al meglio in campo, senza molta fiducia. È incredibile come abbia giocato finora in questo torneo, costruendo il suo gioco, aumentando il livello del tennis in cui ha giocato. Sono le sue prime semifinali del Grande Slam nella sua carriera, quindi sono sicuro che sia motivato ed entusiasta di fare almeno un passo avanti. Sarà davvero un bel match da guardare”.

Dominic Thiem, ormai, per Djokovic non è più una sorpresa, fa parte dei grandi del tennis e costituisce a pieno titolo uno dei punti fermi del circuito ATP: “Non credo sia davvero la prossima generazione. È stato lì per molti anni. Ora è un giocatore affermato tra la top 5 e la top 10. Ha giocato un paio di finali del Grand Slam, ha vinto tornei Masters, ha giocato a finali ATP World Tour. È già lì e ora ha l’esperienza, ha la forza e, soprattutto, ha tutti i mezzi per essere davvero qui. È migliorato negli ultimi 12 mesi giocando sul campo duro, senza dubbio, e i risultati lo dimostrano”.

Il serbo sembra essere al massimo della condizione fisica e mentale, anche se lui stesso pensa che ci sia sempre qualcosa da migliorare: “Non c’è perfezione. Cerchi di avvicinarti a questo ma non esiste. Forse il mio ultimo anno è stato probabilmente il miglior finale del Grande Slam che ho avuto contro Rafa, che era in forma. Quest’anno avrò un avversario diverso nella finale, quindi che sarà ovviamente uno scontro diverso, una preparazione diversa. Il contrasto degli stili di gioco tra Dominic e Zverev è piuttosto ampio. Inverso con una mano, rotazione pesante, molta potenza negli scatti di Dominic. Uno dei migliori servizi è quello di Zverev, con uno stile di gioco leggermente diverso. Entrambi dal fondo del campo. Mi preparerò per quell’incontro e spero di esibirmi come sempre nella finale degli Australian Open“.

Il metodo e l’ispirazione di Goran stanno dando i frutti sperati e Djokovic non nasconde l’importanza dei consigli del suo allenatore: “È stata una parte importante della mia crescita come tennista. Avere questo nel mio angolo, è davvero un grande onore e un grande piacere. Ovviamente, fornisce uno stile di coaching un po ‘diverso da quello mariano, ma stanno funzionando molto bene in sinergia. Si completano a vicenda. La filosofia di Goran è sempre stato “meno è di più”; dare le giuste informazioni al giocatore e quindi capire come un giocatore può davvero trarne vantaggio. Gli piace semplificare le cose “.

Una battuta finale poi, sulla richiesta di McEnroe e Navratilova di cambiare il nome in Margaret Court Arena. “Ho visto la foto. Ho visto lo striscione. Non ho davvero studiato troppo quella storia, a dire il vero. So cosa ha detto Margaret Court. E c’è un’evidente differenza di opinione. Margaret è una grande campionessa, un’eroina del tennis in Australia e anche in tutto il mondo. Una delle tenniste più importanti nella storia del tennis femminile. Naturalmente, quando dice una cosa del genere, ha un grande impatto. Non sostengo quelle affermazioni, ovviamente. Non penso che sia stata la cosa giusta, ma Probabilmente ha le sue ragioni e dobbiamo rispettare il fatto che ha una differenza di opinione. Tutto qui. In termini di iniziativa di John e Martina, non posso davvero dire molto al riguardo”.