Atp Lione 2019: esordio amaro per Sinner, Lamasine lo elimina in due set

Jannik Sinner - Foto Adelchi Fioriti

Brutta giornata per Jannik Sinner atteso al match d’esordio dell’Atp 250 di Lione 2019 (Francia, terra battuta). L’altoatesino doveva teoricamente fronteggiare il kazako Kukushkin, che però si è ritirato poco prima del match. Si è dunque trovato di fronte il numero 270 del mondo Tristan Lamasine, sconfitto dallo stesso Sinner ieri per due set a zero e oggi ripescato come lucky loser. Il tennis però non ha nessun tipo di memoria e Sinner è stato eliminato in un’ora e diciannove minuti di gioco con il punteggio di 6-0, 7-6. Il classe 2001 ha molto da recriminare soprattutto per il primo set in cui ha faticato ad entrare in partita, mentre nel secondo parziale la partita è stata molto equilibrata e giocata su pochi punti. Al prossimo turno Lamasine affronterà il georgiano Basilashvili, testa di serie numero 1 del torneo.

LA CRONACA – L’avvio di partita è tutto in salita per l’altoatesino, che mette poche prime in campo e fatica a prendere in mano il gioco nei momenti decisivi. Lamasine è invece molto preciso ed abile a sfruttare ogni occasione che Sinner gli concede. In 24 minuti il giovane italiano si fa breakkare per ben tre volte (tutte le volte a 30) senza mai ricambiare il favore all’avversario nonostante alcune occasioni in particolare nel quinto gioco. Lamasine chiude cosí 6-0 il primo parziale.

Dopo un game interlocutorio vinto ancora da Lamasine finalmente Sinner riesce a far suo il primo gioco della sua partita. Nel gioco successivo l’italiano risale da 40-0 ed al termine di un gioco molto duro riesce a strappare il break al francese portandosi in vantaggio nel set. I giochi scorrono tranquillamente rispettando il turno di battuta fino all’ottavo gioco quando Sinner concede una palla break che gli è nuovamente fatale. Il francese si porta così in vantaggio sul punteggio di 5-4 con Sinner che si trova a servire per rimanere nel match, ma con nervi saldi riesce a chiudere il game a 30. Il set si dirige dunque verso la sua naturale conclusione: il tie-break. Sinner è il primo a cedere il minibreak con Lamasine che si porta avanti 2-1, ma basta poco affinché il punteggio torni in parità sul 3-3. Il francese trova poi l’allungo ed arriva ad avere due match point sul 6-4. Il primo viene annullato da Sinner con il servizio, ma l’altoatesino non può nulla sul secondo che chiude set e partita.