Atp Finals Londra 2019, Berrettini: “Queste sfide aiutano la mia maturazione”

Matteo Berrettini - Foto Ray Giubilo

L’azzurro Matteo Berrettini non ha impressionato nella seconda sfida delle Atp Finals di Londra 2019, ma ha mostrato progressi nell’affrontare un mostro sacro del settore come Roger Federer. Il punteggio di 7-6(2), 6-3 è incoraggiante considerando la precedente disfatta a Wimbledon contro l’elvetico prima citato, e i miglioramenti rispetto all’esordio londinese contro Novak Djokovic sono apparsi evidenti, forse anche considerando le peculiarità tattiche degli avversari affrontati.

Berrettini ha rilasciato delle significative dichiarazioni nella conferenza stampa post match, di seguito le sue prime esternazioni: “Sono triste per questa sconfitta e perché non ho giocato al livello che intendevo. È vero che nel secondo set ho avuto alcune opportunità di interrompere il servizio di Roger, ma si è dimostrato solido e ha neutralizzato tutte le possibilità che ho avuto. Nel primo set sono stato molto bravo, ma ho fatto un passaggio a vuoto e mi ha penalizzato parecchio. Sono deluso, ma questa sconfitta può essere compresa poiché sappiamo il livello di Roger in questo tipo di superficie. Inoltre, aveva anche urgentemente bisogno della vittoria ed era molto solido non appena il gioco è iniziato”.

Il tennista romano ha poi confrontato la sfida londinese con il precedente a Wimbledon: “Oggi a differenza di Wimbledon sono andato molto bene nel primo set e sono stato sempre coinvolto nel gioco. Più volte giochi contro questo tipo di giocatori, più ti abitui un po’ a loro e sai come contrastarli: hai l’opportunità di conoscerli meglio e migliorare molto nel tuo tennis. Mi è già successo con Nadal, Djokovic e Federer “.

In chiusura Berrettini ha stilato un primo resoconto della sua primordiale avventura alle Atp Finals: “Questa è la mia prima partecipazione a questo torneo, mentre per Federer è la numero 17. Sicuramente la sua prima volta è stata nervosa come la mia. Questa competizione è molto speciale, dal momento che giochi contro i migliori giocatori del pianeta e forse contro i migliori giocatori della storia, quindi sono orgoglioso del mio anno e di come le cose si siano sviluppate. Queste sfide aiutano la mia maturazione. L’altro giorno contro Novak non ho giocato neanche una brutta partita, anche se il tabellone dice il contrario. Come ho detto prima, queste sconfitte possono essere prese come insegnamenti e possono semplicemente farmi migliorare per essere di nuovo qui nei prossimi anni”.