Atp Finals 2020: Thiem è il primo finalista, sconfitto Djokovic dopo quasi tre ore di gioco

Dominic Thiem - Foto Roberto Dell'Olivo

Ad uno anno di distanza Dominic Thiem ritorna in finale alle Atp Finals, ma lo fa vincendo uno dei match più belli della stagione ai danni di Novak Djokovic. Il tennista austriaco s’impone con il punteggio di 7-5 6-7(10) 7-6(5) dopo due ore e cinquantasette minuti di gioco, compiendo una vera e propria impresa. Dopo aver vinto meritatamente un equilibrato primo set, Thiem spreca quattro match point nel tie-break del secondo set, perdendolo per 12-10. Nel tie-break della terza frazione, invece, dopo esser andato in svantaggio 4-0, si rende protagonista di una rimonta clamorosa che lo vede vincere per 7-5 e staccare il pass per la finale. Nella giornata di domani, sfiderà o Daniil Medvedev o Rafa Nadal.

RIVIVI IL LIVE DEL MATCH

CRONACA – Primo set molto combattuto ed il cui ritmo è scandito dai turni di servizio tenuti agevolmente da entrambi i giocatori. Nonostante qualche situazione potenzialmente pericolosa, per dieci giochi non c’è neppure l’ombra di una palla break ed il tie-break si intravede ormai all’orizzonte come unica soluzione per interrompere un equilibrio che va avanti da oltre tre quarti d’ora. Nell’undicesimo gioco, invece, l’austriaco approfitta di qualche spiraglio che Djokovic gli concede e con notevole cinismo capitalizza la palla break, garantendosi l’opportunità di servire per il set. Il game seguente è una pura formalità e dopo 53 minuti, Thiem incassa il primo parziale per 7-5.

La seconda frazione si rivela particolarmente simile alla prima, tanto che ad eccezione di qualche palla break che nessuno dei due giocatori riesce a sfruttare, si ripropone la stessa situazione del set precedente. Nei momenti cruciali, però, è Djokovic ad avere l’occasione di assicurarsi il parziale, ma l’austriaco annulla due set point e raggiunge il suo avversario al tie-break. Qui ha inizio un dramma vero e proprio dramma che coinvolge entrambi i giocatori, i quali accusano la situazione e quando si tratta di conquistare punti importanti faticano. Il bilancio finale è particolarmente negativo per Thiem, che spreca quattro match point, di cui due sul suo servizio, e fallisce un’occasione davvero ghiotta. Il serbo non è da meno in termini di freddezza, ma al quarto set point complessivo fa suo il il tie-break per 12-10 e trascina la sfida al terzo.

Nel parziale decisivo, Thiem sembra aver cancellato rapidamente quanto accaduto nel tie-break appena perso ed inizia bene, tenendo i propri turni di servizio in scioltezza. Il suo avversario lo emula ed in poco tempo i due si ritrovano nuovamente appaiati sul 6 pari, pronti a giocare un altro tie-break. La sfida sembra pendere significativamente verso Djokovic, il quale si porta avanti 4-0 e mette l’austriaco davanti ad un bivio. La reazione dell’austriaco lascia però tutti di stucco e lo vede conquistare ben sei punti consecutivi. Sul primo match point Nole scaglia un ace, ma sul secondo non c’è nulla da fare e finalmente Thiem può esultare. Dominic vola in finale per il secondo anno consecutivo e conferma per l’ennesima volta di essere ormai più che al livello dei big.