Atp Finals 2020, Djokovic strappa il pass per le semifinali: Zverev k.o. in due set

Novak Djokovic - Foto Ray Giubilo

Nel primo incontro della terza giornata del girone “Tokyo 1970”, Novak Djokovic supera Alexander Zverev con il punteggio di 6-3 7-6 (7-4), in un’ora e trentotto minuti. In semifinale domani affronterà Thiem, vincitore del gruppo “Londra 2020”.  Nel remake della finale del 2018 Djokovic si prende la rivincita al termine di una partita molto combattuta. Il serbo ha disputato un incontro concreto, ha alzato il livello nei momenti decisivi ed è parso in ripresa rispetto all’ultima uscita con Medvedev. Certo gli errori sono stati ancora tanti per i suoi standard, però ha disputato un match solido.

Zverev, anche lui in un periodo di relativa di difficoltà, è apparso in ripresa dopo le ultime prestazioni: sicuramente più solido coi fondamentali, ma rimangono alcune lacune, in particolare con le seconde di servizio troppo tenere. In risposta può sicuramente migliorare poiché è sempre rimasto troppo lontano dal campo ed è troppo passivo e facilmente aggredibile. Il suo grande rammarico è essere entrato male in campo nel primo parziale, decisamente troppo falloso.

COME E QUANDO SEGUIRE DJOKOVIC-THIEM

GLI HIGHLIGHTS DI DJOKOVIC-ZVEREV

Nel primo set Djokovic inizia indubbiamente meglio e nel secondo gioco strappa a quindici la battuta a Zverev, anche grazie ad un sanguinoso doppio fallo del tedesco proprio sulla palla break. Avanti 4-2 il serbo ha un piccolo passaggio a vuoto e si trova sotto 15-40: da quel momento mette in campo quattro prime consecutive, salva le due palle break e ai vantaggi conquista il game. Il parziale prosegue senza ulteriori intoppi e il break ottenuto nel secondo gioco risulta decisivo: il numero uno del mondo chiude dunque la frazione col punteggio di 6-3.

Nel secondo set il match sale di livello. In un lungo e combattuto quarto gioco Djokovic cancella una palla break e tiene la battuta ai vantaggi. Nel game successivo Zverev si trova sotto 15-40, ma è bravo ad annullare entrambe le palle break anche grazie al provvidenziale aiuto del proprio servizio. Nel decimo gioco il tedesco in risposta arriva a due punti dalla conquista del set (40-40), ma il suo avversario riesce ad alzare il livello e a non capitolare. Il parziale prosegue sino al tie-break: dopo un iniziale scambio di mini-break, il nativo di Belgrado mette la freccia e chiude il tie-break con un netto 7-4. Seconda frazione in suo favore col punteggio di 7-6 (7-4).