L’Italia dei record a caccia del bis ai Mondiali di nuoto paralimpico

Presentazione Mondiali nuoto paralimpico 2022

L’Italia del nuoto paralimpico è pronta per stupire ancora. La squadra azzurra in partenza per i Mondiali in programma dal 12 al 18 giugno a Funchal, in Portogallo, è stata presentata nella sede del Comitato italiano paralimpico alla presenza del numero uno del Cip Luca Pancalli, del presidente della Federazione italiana nuoto paralimpico Roberto Valori, del direttore tecnico della nazionale Riccardo Vernole e della romana Alessia Scortechini.

“Non faccio mai previsioni ma con il nuoto sono sempre ottimista. Sono convinto che ai Mondiali di Funchal sapremo ancora una volta scrivere una pagina fantastica del nostro movimento”, ha sottolineato Pancalli ricordando l’indimenticabile edizione del 2019, quando i 22 azzurri si laurearono campioni del mondo all’Aquatics Centre di Londra, ma anche gli strepitosi risultati dei Giochi di Tokyo con ben 39 medaglie conquistate. “Questa federazione è il fiore all’occhiello del nostro movimento – ha ammesso il presidente del Cip – Le Paralimpiadi in Giappone sono state un trionfo, con oltre il 56% delle medaglie conquistate dal nuoto sul nostro totale, un risultato che si commenta da solo. Peraltro la delegazione oggi è ancora ringiovanita: le aspettative sono altissime e io ho grande fiducia nella federazione”.

Nella splendida struttura del Complexo de Penteada, a Funchal, scenderanno in acqua oltre 700 atleti in rappresentanza di 70 nazioni. Gli azzurri, che hanno rifinito la preparazione nel collegiale organizzato alla piscina Scandone di Napoli e al Centro Sportivo di Portici, saranno 23, con 14 ragazzi (Alberto Amodeo, Simone Barlaam, Luigi Beggiato, Francesco Bettella, Federico Bicelli, Francesco Bocciardo, Vincenzo Boni, Simone Ciulli, Antonio Fantin, Emmanuele Marigliano, Riccardo Menciotti, Efrem Morelli, Federico Morlacchi, Stefano Raimondi) e 9 ragazze (Alessia Berra, Monica Boggioni, Giulia Ghiretti, Carlotta Gilli, Xenia Francesca Palazzo, Angela Procida, Martina Rabbolini, Alessia Scortechini e Giulia Terzi).

“La nostra nazionale è consolidata, abbiamo 23 campioni e puntiamo forte sulla squadra anche per questi Mondiali – ha sottolineato Valori, numero uno della Finp e vicepresidente vicario del Cip – Siamo reduci da una bellissima settimana passata a Napoli, ho respirato davvero un bel clima tra i ragazzi e voglio ringraziare il gruppo della Polizia di Stato che ci ha supportato. Se affrontiamo questa trasferta con serenità, sappiamo cosa possono fare i nostri atleti”.

“Noi favoriti? È tutto in evoluzione – ha spiegato il dt Vernole – Veniamo da risultati importanti, è vero, ma si vince o si arriva al secondo posto nel medagliere per uno o due podi. Di sicuro abbiamo una squadra forte e matura. I ragazzi sono tornati in acqua dopo i Giochi Tokyo con la consapevolezza che Parigi è vicina e abbiamo due Mondiali in due anni per prepararci e fare bene. A Funchal vogliamo conquistare qualcosa di più rispetto all’ultima edizione: tutti i nostri atleti metteranno il massimo in acqua, lo posso promettere”.

“Le aspettative sono alte – ha ammesso Alessia Scortechini – Il clima è sereno, siamo sempre allegri, affrontiamo gli allenamenti insieme e a Napoli ci siamo divertiti. Siamo concentrati e pronti a esprimere quello che possiamo fare”.

About the Author /

Nato il 25 giugno 1982, pochi giorni dopo ho deciso di fare il giornalista sportivo guardando la finale di Wimbledon tra Connors e McEnroe e il terzo trionfo Mondiale dell'Italia. Professionista dal 2010, ho lavorato per la Gazzetta dello Sport, Il Tempo e l'agenzia di stampa Italpress. Amo tutti gli sport, soprattutto i più strani