Biathlon, Fourcade: “Il mio rivale principale? Svendsen”

Foto di Georges Ménager

Martin Fourcade ha appeso la carabina al chiodo dopo una carriera formidabile e ricca di successi: 7 Coppe del Mondo generali e 26 di specialità, 83 vittorie individuali, 150 podi, 5 ori olimpici (di cui 4 individuali) e 13 titoli mondiali (di cui 2 a squadre), oltre ad altri due podi olimpici e 15 medaglie mondiali. Numeri forse irripetibili, anche se il fenomeno norvegese Johannes Boe ha dalla sua l’età. In ogni caso, Fourcade ha riscritto la storia del biathlon internazionale, pur trovandosi a lottare con campioni del calibro di Bjørndalen, Svendsen, i fratelli Bø e Shipulin. Intervistato dalla rivista francese L’Equipe, l’ormai ex biatleta transalpino ha parlato proprio dei suoi rivali: “Penso il mio rivale numero uno sia stato Emil Hegle Svendsen. Entrambi, infatti, ci siamo trovati al culmine della nostra carriera allo stesso momento battagliando diversi anni”.

“Credo che dal 2012 al 2014 abbiamo espresso il cento per cento del nostro potenziale. Per questo motivo scelgo lui. Poi arrivano Johannes Bø e forse Anton Shipulin” ha concluso il francese. Fatto curioso è che Svendsen e Fourcade abbiano condiviso l’ultimo podio olimpico della carriera, quello della mass start a PyeongChang 2018.