Biathlon, Coppa del Mondo Oberhof 2021: Germania vince staffetta femminile, disastro Italia

Dorothea Wierer - Foto Marco Trovati/Pentaphoto Dorothea Wierer - Foto Marco Trovati/Pentaphoto

La Germania torna a vincere in quel di Oberhof e si impone nella staffetta femminile valevole per la Coppa del Mondo di biathlon 2020/2021. Le padrone di casa hanno preceduto un’ottima Bielorussia, mentre il podio è stato completato dalla Svezia. Tante le squadre deluse, come Francia e Norvegia, ma il vero disastro lo firma l’Italia: le Azzurre infatti hanno chiuso al quindicesimo posto con quasi sei minuti di ritardo, decisiva in negativo la seconda frazione di Irene Lardschneider.

RIVIVI IL LIVE SU SPORTFACE.IT

Ritmo come sempre letargico nel primo giro, con tutte le atlete che arrivano insieme al primo poligono dove Lisa Vittozzi commette due errori ma esce comunque settima a dieci secondi dalla russa Pavlova. Male invece la norvegese Tandrevold, che paga subito oltre 40 secondi e appare non brillante sugli sci. L’azzurra si supera al secondo poligono, dove con uno “zero” rapido in piedi riesce ad uscire in testa con una manciata di secondi su Germania, Svezia, Austria e Francia. Salta la Russia che va in penalità, mentre la Norvegia resta a quasi un minuto. Al primo cambio Vittozzi lancia Irene Lardschneider, che nel primo giro viene raggiunta e superata dalla francese Anais Chevalier mentre la Norvegia limita i danni a 40 secondi di distacco.

La gara dell’Italia finisce però di fatto al terzo poligono, dove Lardschneider esce con due giri di penalità perdendo oltre un minuto e mezzo e crollando in quindicesima posizione. La seconda frazione sorride alla Francia, che cambia a metà gara in testa con una manciata di secondi su Svezia e Bielorussia. Norvegia a oltre un minuto, Italia addirittura a tre minuti e mezzo con Dorothea Wierer che scende in pista senza particolari velleità.

La terza frazione vede in testa la francese Braisaz, che viene raggiunta da Svezia (Elvira Oeberg) e Bielorussia (Sola) ma che con un primo poligono pulito guadagna 35 secondi sulla scandinava che vede avvicinarsi la tedesca Herrmann. Al poligono in piedi però succede di tutto, con Francia e Norvegia che vanno in doppia penalità mentre la Bielorussia se ne va in solitaria con Germania e Svezia alle spalle. Nell’ultimo giro Herrmann riprende Sola e così Kruchinkina e Preuss iniziano l’ultima frazione con una trentina di secondi sulla Svezia di Hanna Oeberg. Wierer si concede una sorta di allenamento agonistico e chiude con due errori ininfluenti in piedi per il quindicesimo posto che lascia in dote a Federica Sanfilippo.

In testa si decide tutto nell’ultimo poligono, con Preuss che porta la Germania alla vittoria senza sbagliare. Due errori per Kruchinkina che comunque mantiene il secondo posto dall’attacco di Oeberg. Ai piedi del podio Russia e Repubblica Ceca, mentre Francia e Norvegia sono le grandi sconfitte di giornata ma chiudono comunque con un piazzamento onorevole.