Scherma, le decisioni della FIE: probabile ripresa l’1 novembre 2020

Mara Navarria - Foto BIZZI Federscherma Mara Navarria - Foto BIZZI Federscherma

La scherma internazionale potrebbe ripartire l’1 novembre 2020. Questo è quanto emerso dall’ultima riunione del Comitato Esecutivo della Federazione Internazionale di Scherma. L’ufficialità della data scelta è rimandata però al 1 settembre, quando il Comex FIE tornerà a riunirsi e, tenendo conto del parere dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e della possibilità di trasferimenti nel mondo, prenderà una decisione definitiva. Infatti, nel caso in cui il traffico aereo non consentisse agli atleti di tutti i Paesi (le cui federazioni schermistiche sono affiliate alla FIE) di prendere parte agli eventi internazionali, la Federazione dovrà rinviare ulteriormente la ripresa. Nel frattempo, il Comitato Esecutivo FIE ha ufficialmente cancellato l’edizione 2020 dei Campionati del Mondo Cadetti e Giovani e dei Campionati del Mondo Master, posticipando inoltre al 2022 i Campionati del Mondo Assoluti 2021 programmati a Il Cairo.

Inoltre, le gare di Coppa del Mondo rientranti nel periodo di qualificazione olimpica che non sono state disputate verranno riprogrammate nel 2021, mantenendo per quanto possibile stesse date e sedi. I punteggi assegnati in queste gare modificheranno il ranking olimpico, rimasto congelato al 10 marzo 2020, mentre le gare che eventualmente si svolgeranno da novembre 2020 a febbraio 2021 determineranno una classifica che proseguirà anche dopo i Giochi di Tokyo. Il CE della FIE ha decretato la conclusione della stagione 2019/2020 Under 20, assegnando la Coppa del Mondo di ogni specialità in base al ranking calcolato fino a marzo 2020. L’Italia può dunque festeggiare ben 7 Coppe del Mondo: Gaia Traditi nella spada femminile, Martina Favaretto nel fioretto femminile, Benedetta Taricco nella sciabola femminile, Luca Fioretto nella sciabola maschile (con al terzo posto Pietro Torre) e Giulio Gaetani nella spada maschile (con tripletta azzurra completata da Davide Di Veroli ed Enrico Piatti). Italia leader anche nella classifica a squadre di sciabola maschile e di fioretto maschile. Infine, il Comitato Esecutivo FIE ha rinviato a settembre 2021 la sessione d’esami arbitrali prevista nel 2020 e posticipato a settembre 2021 l’introduzione dell’obbligo d’utilizzo della lama Maraging negli assalti di sciabola.