Scherma, le decisioni del Consiglio Federale: contributi a società e atleti per quasi due milioni

Giorgio Scarso - Foto ICS

Il Consiglio della Federscherma ha ufficialmente varato le misure di sostegno e supporto alle società e agli atleti per rilanciare la ripartenza della disciplina in uscita dall’emergenza Covid-19. I contributi totali stanziati ammontano a 1.800.000 euro: le società riceveranno il contributo in due rate, a maggio e a settembre il contributo 2020 di 500.000 euro, al quale si aggiungerà un contributo straordinario per ogni società ri-affiliata per la stagione 2020/21 oltre al numero di atleti che si ri-tessereranno nel 2020/21 entro il 30 novembre.

L’intero protocollo della Federscherma verrà presentato via webinar martedì 12 maggio alle 17:00. Tra le misure più importanti anche il taglio quasi completo delle quote di tesseramento per la stagione 2020/2021: la quota di tesseramento per gli arbitri e i tecnici passerà da 40 euro a 5 euro; per i dirigenti la quota passerà da 48 a 20 euro. Anche la quota di ri-affiliazione delle società crollerà da 250 a 5 euro. Nei prossimi giorni sarà anche delineato il nuovo calendario.

Così il presidente federale Giorgio Scarso: “Si tratta di una manovra poderosa, che ha l’obiettivo di sostenere società e atleti. Sono interventi calibrati e pensati per essere davvero il carburante nel motore della nostra ripartenza. Abbiamo un particolare occhio di riguardo per gli atleti, che sono la componente fondamentale del nostro sport.”